A CAMPLI LA 46ESIMA SAGRA DELLA PORCHETTA ITALICA


CAMPLI – Ancora pochi giorni all’inizio della 46° edizione della Sagra della Porchetta italica di Campli. La manifestazione, attiva dal 1964, si svolgerà dal 18 al 22 agosto 2017, con la partecipazione di 10 maestri porchettai locali: Nicolino Mercurii di Colledara (Vincitore 2016), Luciano Bosica di Teramo, Lucio Di Stefano di Colledara, Massimo Fagioli di Campli, Fulvio Pallotta di Campli, Daniele Bosica di Castellalto, Viro Galliè di Nereto, Raffaele Venditti di Luco dei Marsi, Emidio Falasca di Teramo e Loretta Lelii de La Traversa di Campli.

“Una grande eccellenza – ha detto il sindaco di Campli, Pietro Quaresimale, nel presentare la 46esima edizione questa mattina al Consorzio Bim – al centro di una Sagra storica, dal valore fortemente identitario per la collettività camplese. Quest’anno poi la manifestazione assume una connotazione fortemente culturale, con l’inaugurazione, domani 12 agosto, della mostra d’arte contemporanea Ek-Stasis promossa in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti di Urbino e l’intitolazione, nella giornata inaugurale, dell’Ufficio Turistico a Giammario Sgattoni, storico, poeta, scrittore, umanista E amico di Campli, nel decennale della sua scomparsa”.

“Un evento in continua crescita – ha aggiunto il presidente della Pro loco di Campli, Pierluigi Tenerelli -, che nella passata edizione ha registrato più di 100mila presenze e ben 300 porchette servite. Anche quest’anno avremo dieci maestri porchettai, veri e propri artigiani della specialità locale. Nella giornata di venerdì 18 a giudicare la porchetta saranno giornalisti e blogger, il sabato sarà la volta degli sponsor, domenica della giuria popolare e della giuria della critica “Premio speciale Prof. Nicola Biagio Natali” mentre il lunedì quella dei ristoratori ed enologi. Anche quest’anno sarà assegnato il premio il premio speciale della critica, dedicato alla memoria di Nicola Biagio Natali, presidente storico della giuria scomparso”.

Il premio sarà il “Sigillo del Guerriero” originale creazione Formeoro del maestro orafo camplese Massimo D’Amario, dedicata al territorio di Campli con lo scopo di valorizzare l’identità storica e culturale.

“Enogastronomia ma non solo – spiega Roberto Ricci presidente dell’Associazione Memoria & Progetto Onlus -, il taglio culturale della manifestazione quest’anno diventa ancora più incisivo e nell’ottica di valorizzare i talenti del territorio ogni sera sarà dato spazio alla presentazione di un libro a cura di un autore locale”.

“Per promuovere la conoscenza del territorio – aggiunge Daniele Iampieri dell’associazione Monti Gemelli Bike – abbiamo organizzato domenica 20 agosto il quarto Raduno in mountain bike Cicloturistica città di Campli, un percorso di 34 chilometri di difficoltà media”.

L’attesa cresce per la cerimonia del taglio del nastro della manifestazione che si svolgerà giovedì 18 agosto alle 19,00 nella piazza principale della cittadina camplese, alla presenza del sindaco Pietro Quaresimale, il presidente della Pro loco Pierluigi Tenerelli, il consigliere provinciale Federico Agostinelli ed il consigliere regionale Sandro Mariani.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021