CONSIGLI SEMISERI PER UN’ARROSTATA DI FERRAGOSTO SENZA IMPREVISTI


di MATTIA FERELLA*

L’AQUILA – Per far si che la vostra Arrostata di Ferragosto (A.d.F.) si riveli un vero e proprio successo occorre pianificare il tutto nei minimi dettagli. Nulla deve essere lasciato al caso. Certo, ci sono dei fattori che per loro stessa natura potrebbero sottrarsi alla nostra volontà e/o al nostro controllo.

Ma proprio in ragione di ciò è importante studiare ogni possibile contromossa in caso di situazioni avverse. Questo articolo, o attenti e avidi lettori, vi permetterà di scoprire segreti e trucchi di una vera arrostata di successo in soli tre passaggi!

1. IL LUOGO

Scegliere il luogo adatto alla vostra A.d.F. è il primo arduo compito che vi troverete ad affrontare, cari lettori. Per prima cosa evitate di muovervi in ritardo. Per organizzare un’A.d.F. di successo è bene cominciare a gettare le basi dal giorno dopo l’Arrostata di Pasquetta (A.d.P.) dell’anno precedente.

Ci sarà sempre qualcuno che dirà: “Possiamo fare a casa mia. I miei genitori vanno in vacanza ad Ischia!”. Non credetegli. Prima di tutto perché i genitori in questione, che fessi non sono, eviteranno di andare in vacanza ad Ischia in altissima stagione. Secondo poi, potrà essere anche vero che i suoi genitori andranno a festeggiare fuori, ma nel 99 % dei casi il vostro amico si fidanzerà con una tizia che, uno, non è della vostra compagnia, due, risulterà altamente antipatica a tutti.

La conseguenza di ciò sarà che voi vi rifiuterete di invitare anche lei, mentre lui, che nel frattempo ha sviluppato un’inedita tendenza alla conciliazione, andrà a farsi l’arrosto con la sua morosa e vi raggiungerà solamente per una birra e la genziana di chiusura. Probabilmente berrà anche il vostro vino e mangerà la vostra pecora. Senza aver contribuito con neanche un euro.

2. LA RACCOLTA DEI SOLDI

Altro punto dolente, cari lettori, è la raccolta dei soldi. Inutile bruciare una ricarica telefonica per tentare di fissare un luogo e un’ora che metta d’accordo tutti. Ci sarà sempre qualcuno che non potrà venire perché non ha la macchina o deve preparare un esame. Morale della favola, vi toccherà anticipare 20 euro per 20 persone. 400 euro in tutto. Portatevi avanti col lavoro quindi, e da soli organizzatevi per …

3. LA SPESA

Ci sarà sempre l’amico di turno che vi martellerà per convincervi a comprare 5 kg di pecora a testa e null’altro. Né pane, né salsicce, né arrosticini. Solo pecora. Vi svelo subito il trucco: voi comprate tutto ciò che riterrete opportuno e prontamente consegnate al suddetto amico i suoi 5 kg di pecora. Arrivato al terzo kg, sarà colto da un attacco di dissenteria. Ciò permetterà a voi di mangiare non solo la vostra razione di bruschette, carne, salsicce e arrosticini, ma anche i 2 kg di pecora che il vostro amico ha lasciato lì.

Tutto chiaro, amici lettori? Se seguirete alla lettera i consigli elencati nei tre passaggi precedenti, non ci sono dubbi che la vostra A.d.F. sarà un successo assicurato!

P.S.

Per una vostra maggiore sicurezza, vi consiglio di chiedere conferma a chi le Arrostate di Ferragosto le ha sempre organizzate e fatte: io il 15 di agosto vado a cena al ristorante poiché il 16 è il compleanno di mio padre, il quale, per convincerci ad arrivare svegli alla mezzanotte, porta tutta la famiglia a mangiare il pesce al mare.

*cantautore

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021