LE UVE DEI PELIGNI: ARTE, MUSICA ED ENOGASTRONOMIA NEL CENTRO DI PRATOLA


PRATOLA PELIGNA – Percorsi enogastronomici, quattordici tra produttori locali e regionali – Cascina del Colle, Tenuta Oderisio, Bosco, Azienda Agricola Tocco, Marchesi de Cordano, Cantina Blancodini, Di Bacco, Margiotta, Bove, Pietrantonj, Valpeligna, Jasci e Marchesani, Eredi Legonziano e Vini Piqu – che insieme ad arte, musica, cultura e spettacoli riempiono la tre giorni dedicata al vino che si è aperta ieri e andrà avanti fino a domani nel cuore antico di Pratola Peligna (L’Aquila).

È “Le uve dei Peligni”, il tradizionale appuntamento stagionale dedicato al vino, giunto alla sua dodicesima edizione, e che apre gli eventi che caratterizzeranno l’agosto pratolano.

Ad aprire la manifestazione è stato un convegno, in omaggio al bimillenario del poeta di Sulmona Ovidio, dal titolo “Il vino da Ovidio ai giorni nostri”, ieri nelle sale di Palazzo Santoro-Colella. Relatori il professor Raffaele Giannantonio e l’enologo Vittorio Festa.

Alle 20,30 inizio del percorso enogastronomico nelle antiche cantine, adornate per l’occasione dal tradizionale happening delle arti, che quest’anno ospita le opere dicate ad Ovidio del comitato metamorphosis beyond the shape promotore di una delle più grandi manifestazioni sul territorio nazionale dedicate al poeta peligno, opere che arricchiranno i percorsi nei tre giorni della manifestazione.

L’evento clou della prima serata è stato “l’incontro tra parole e musica” con Cristiano Godano, front man della rock band Marlene Kuntz, che ha raccontato la sua esperienza di vita e musicale rispondendo alle domande di Franco Sambuco.

Nell’attesa del cantante dei Marlen Kuntz, le esibizioni dei Mystical Soups e di Niccolò Santilli hanno animato il centro storico.

Oggi, a Palazzo Santoro-Colella, la presentazione del libro Le storie in soffitta (viaggio nella memoria) di Ornella De Prospero.

Ad animare le degustazioni serali nel centro storico ci saranno alle 21,00 l’Easy Chitarra Orchestra diretta dal maestro Angelo Ottaviani e alle 22,00 Osvaldo Bianchi e la sua rivisitazione delle canzoni di Rino Gaetano.

La giornata conclusiva vedrà i consueti percorsi enogastronomici, che saranno accompagnati dalle note del gruppo femminile “Incanto, voci di donne dal mondo” e dal Rocksteady\Ska\Spaghetti Reggae del gruppo the Quentins.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022