A SULMONA DETENUTI COLTIVANO AGLIO ROSSO CON AGRICOLTURA BIOLOGICA


SULMONA – Grazie a un protocollo d’intesa siglato nel carcere di Sulmona (L’Aquila) dall’assessore regionale alle Politiche agricole Dino Pepe, dal presidente della terza commissione Lorenzo Berardinetti e dal direttore del penitenziario Sergio Romice, i detenuti saranno custodi della biodiversità agricola abruzzese nel supercarcere diventato azienda agricola, dove coltiveranno l’aglio rosso di Sulmona con tecniche di agricoltura biologica.

L’accordo impegna le parti alla gestione dei campi di proprietà della casa reclusione di Sulmona, affinché quest’ultima diventi parte attiva nella costituenda rete degli agricoltori custodi del germoplasma autoctono regionale (i semi tipici abruzzesi).

Il carcere ha di recente acquisito la qualifica di industria agricola. Di essa fanno parte oltre ai terreni di pertinenza, un frutteto destinato alla produzione di melograni, un forno e 8 arnie per l’allevamento di api e la produzione di miele.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021