ABUSIVISMO IN MARE, TRABOCCHI RISCHIANO LA CHIUSURA


FOSSACESIA – Aumento di volumetria non autorizzato. Sarebbe una violazione urbanistica, venuta alla luce da una lettera anonima inviata alla Guardia Costiera e ai Comuni, che hanno poi effettuato i controlli, a far rischiare la chiusura di quattro trabocchi tra Rocca San Giovanni e Fossacesia (Chieti).

In alcuni casi, secondo gli accertamenti condotti, le antiche palafitte sul mare, in passato utilizzate per la pesca e oggi simbolo di questo tratto di costa abruzzese, sarebbero state ampliate fino a triplicare la propria superficie.

Trasformate in pittoreschi ristoranti sull’acqua negli ultimi anni, i trabocchi finiti nell’occhio del ciclone avrebbero sottratto oltre mille metri di aree demaniali alla libera fruibilità del pubblico.

La Guardia Costiera di Ortona ha denunciato alla Procura della Repubblica di Lanciano i quattro titolari, che assicurano di essere regolarmente aperti e si dicono fiduciosi che una sanatoria da parte dei Comuni di appartenenza risolverà il tutto.

I gestori giustificano i presunti abusi con la necessità di apportare migliorie alle strutture, notoriamente in legno quindi particolarmente vulnerabili, per rendere i trabocchi sicuri per tutti gli avventori.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022