“CANTINARTE”, A NAVELLI LA PRIMA VENDEMMIA DEI VINI D’ALTURA


NAVELLI – A Navelli (L’Aquila) si è appena conclusa la prima vendemmia del Pecorino di Cantinarte, azienda agricola che nasce a Bucchianico (Chieti), dove la famiglia ha anche un Museo dell’Olio e del Vino in un antico frantoio del 1700, e si espande in provincia dell’Aquila, dove negli ultimi anni ha impiantato vigneti nel borgo patria dello zafferano e nel vicino Capestrano.

“Abbiamo raccolto circa 20 quintali di uva”, dice Diego Gasbarri, titolare insieme alla moglie Francesca Di Nisio, “da questo vigneto impiantato nel 2017 dove i nostri nonni fino a circa cinquant’anni fa già coltivavano la vite”.

“Le vigne sono state poi tutte rimosse, è saltata una generazione e ora abbiamo pensato di reimpiantare nuove vigne nel ricordo della tradizione – aggiunge – . Abbiamo iniziato a produrre un Pecorino Igt Terre Aquilane, credo diverso da tutti gli altri, abbiamo raccolto a mano, vinificato senza aggiunta di lieviti e con metodi naturali”.

A PROPOSITO DI VINI D’ALTURA

Da qualche anno, una società abruzzese ha registrato il marchio “Vini d’Altura”. Va dunque precisato che l’utilizzo della dicitura che ne è stato fatto in questo servizio è di tipo lessicale e non commerciale, del tutto ascrivibile alla libertà giornalistica e che nulla ha a che fare con l’azienda citata.

Puntualizzazione pleonastica, ma che si rende necessaria dal momento che è stata mossa una contestazione a Virtù Quotidiane sull’uso improprio della definizione, tanto generica da poter essere usata quando – in ambito di critica enogastronomica – si parla appunto di vini prodotti in montagna, dunque a quote “alte”.

Va insomma in questa sede ribadito come l’uso del lessico in tutte le sue forme e articolazioni è una prerogativa del mestiere del giornalista. Non è soggetto ad alcuna limitazione anche se coincide con un marchio commerciale. (m.sig.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.