CHIUSO UN RISTORANTE SU 2 IN ITALIA CON IL CAMBIO DEI COLORI


ROMA – Con il cambio della mappa dei colori è chiuso per il servizio al tavolo più di 1 ristorante su 2 che si trova in zona rossa o arancione in Italia.

Lo fa sapere la Coldiretti, nel precisare che in Sardegna sono 12 mila i locali che invece possono rimanere aperti la sera; una possibilità per la regione, passata in zona bianca, che vale l’80% del fatturato di ristoranti, pizzerie ed agriturismi, duramente provati da smart working e assenza di turisti, oltre che dalla chiusure forzate.

Il caldo di questi giorni favorisce gli assembramenti nelle piazze, lungo le vie dello shopping, nel lungomare o davanti ai locali della ristorazione, evidenzia la Coldiretti: all’interno sono state adottate misure di sicurezza, quali il distanziamento dei posti a sedere facilmente verificabile, il numero strettamente limitato e controllabile di accessi, la registrazione dei nominativi di ogni singolo cliente ammesso.

Con la riapertura di cinema, teatri e musei, secondo Coldiretti sarebbe fondamentale consentire l’apertura serale fino all’orario di inizio coprifuoco esclusivamente ai ristoranti che si trovano nelle zone gialle e che dimostrano di rispettare i rigidi requisiti previsti.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021