FALLIMENTO DELLA ANTONUCCI VINI,
TITOLARI CONDANNATI PER BANCAROTTA


CHIETI – Il Tribunale di Chieti ha condannato a 3 anni e 6 mesi di reclusione ciascuno Camillo e Marcello Antonucci, padre e figlio, imprenditori originari di Crecchio, riconosciuti colpevoli di bancarotta fraudolenta.

Secondo l’accusa, in qualità di amministratori della Antonucci Vini, società dichiarata fallita dal Tribunale di Chieti nell’ottobre del 2011 e che produceva e vendeva vini, allo scopo di recare pregiudizio ai creditori, avrebbero distratto i libri e le scritture contabili così da rendere impossibile la ricostruzione del patrimonio e del movimento d’affari.

I due sono stati condannati anche al pagamento delle spese legali e all’interdizione dai pubblici uffici per la durata di cinque anni.

Il pubblico ministero Marika Ponziani aveva chiesto la condanna a tre anni.

Per entrambi il difensore di fiducia, l’avvocato Cristian Liberato, aveva chiesto l’assoluzione o in subordine che reato venisse derubricato in bancarotta semplice.

Il legale ha annunciato ricorso in Appello.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021