IN TRENO ALLA SCOPERTA DI FONTECCHIO PERCORRENDO LA STORIA


FONTECCHIO – In cento con il treno hanno raggiunto Fontecchio, borgo medievale della valle dell’Aterno, e guidati dagli studenti dell’Istituto superiore “Amedeo d’Aosta” dell’Aquila hanno sperimentato un percorso di turismo sostenibile.

La giornata, andata in scena domenica scorsa, è nata in collaborazione con Italia Nostra, Trenitalia, il Dopolavoro ferroviario di L’Aquila e Sulmona e il Comune di Fontecchio.

Gli studenti hanno dimostrato che la mobilità dolce, nell’Abruzzo interno, può essere il supporto più adeguato per conoscere e vivere il patrimonio culturale e naturale. È stata percorsa, infatti, la storia dell’Aquila e della Valle Subequana, raccontando dell’acqua e dei suoi utilizzi: fiume, mulini, ponti, concerie, fontane.

E il racconto si è avvalso degli strumenti e dei linguaggi più attuali: un video promozionale, un tour virtuale, un’audioguida. I turisti che hanno compiuto il breve viaggio su rotaia si sono avvicinati al piccolo borgo ascoltando le giovani guide sul treno, durante il soft trekking dalla stazione ferroviaria al centro storico, nelle piazze e nei vicoli del paese, nell’Oasi faunistica, nel Museo fotografico Lo Spazio della Memoria, affianco alla fontana trecentesca.

Il lavoro appassionato degli studenti ha saputo illustrare non solo le bellezza artistiche e naturali, ma è riuscito a restituire una parte della vita che si svolgeva e si svolge in una comunità tra i monti e i boschi. La lezione che l’esperimento ha dato sarà di estremo interesse per tutti coloro che stanno riflettendo sul futuro di trasporti, turismo e accoglienza nei piccoli comuni d’Abruzzo e d’Italia.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.