LA “DOLCE VITA” DI SECINARO, PINSA ROMANA E HAMBURGER NEL CUORE DELLA VALLE SUBEQUANA


SECINARO – È una delle pochissime attività di ristorazione nel territorio della Valle Subequana, qualcosa di più di una semplice pizzeria con servizio pub annesso. La Dolce Vita ha assunto in quasi dieci anni di attività la valenza di un vero e proprio centro di aggregazione.

Vivere nell’incantevole borgo di Secinaro, piccolo comune in provincia dell’Aquila, abitato da poco che duecento residenti tutto l’anno, è una scelta di vita ma anche una forma di resistenza in un territorio, come tanti dell’entroterra montano, che è andato negli anni via via spopolandosi.

Come racconta a Virtù Quotidiane la signora Maria Dolores La Rocca, titolare e pizzaiola del pub pizzeria La Dolce Vita, che a dicembre festeggia otto anni di attività.

Nata a Roma, dove i suoi genitori si trasferirono tanti anni fa partendo proprio da Secinaro, Maria Dolores decide di seguire l’amore che la riporta alla terra d’origine, lontana dal caos della capitale, insieme a suo marito Angelo.

Pinsa romana in tutti i gusti, hamburger di carne italiana e una larga varietà di birre che vanno dalle tradizionali tedesche alle artigianali, di cui una abruzzese, la “Mezzopasso”, prodotta a Popoli (Pescara).

“La qualità dei nostri prodotti ci ha premiati perché nel corso di questi anni abbiamo sempre lavorato tantissimo. Un’avventura iniziata quasi per gioco – racconta la titolare -, quando sono tornata a Secinaro ho deciso di reinventare la mia vita così come a me piace, anche se non è stato facile attrarre i clienti. La posizione è fuori mano ma ormai abbiamo una larga cerchia di clienti abituali, tanti dei quali arrivano grazie alla collaborazione con i bad and breakfast della zona”.

“Siamo diventati un punto di riferimento per il borgo e per i paesi circostanti, dove soprattutto durante la stagione invernale non c’è un gran movimento. Prima in piazza c’era anche il bar che purtroppo ha chiuso i battenti. Durante il lockdown abbiamo attivato il servizio di asporto e la consegna a domicilio nel giro di una quindicina di chilometri”, dice.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.