LA STORIA E LA VITA DELL’ORSO MARSICANO IN SPETTACOLO TEATRALE


PESCASSEROLI – Per iniziativa del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e della Dmc Terrextra Marsica è stato prodotto e andrà in scena nei prossimi giorni, in quattro tappe nel Parco, lo spettacolo “Orsitudine”, realizzato dal Teatro Lanciavicchio, per raccontare la vita e la storia dell’Orso marsicano.

Lo spettacolo propone una riflessione sul rapporto “essere umano-natura selvaggia” e sulla percezione del pericolo in natura. Orsitudine nasce da una attenta riflessione e studio intorno all’orso marsicano e al portato simbolico che ha ed ha avuto nella storia delle comunità abruzzesi; si è sviluppato nell’ambito di un progetto innovativo di analisi e comunicazione intorno alle tematiche ambientali e alla relazione uomo/natura, promosso dal Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise.

Il carattere innovativo del progetto, sviluppato insieme alla Dmc Marsica, risiede nell’utilizzare il teatro come strumento di analisi e comunicazione con la popolazione residente e i visitatori, riformulando un modello di comunicazione istituzionale, attraverso una modalità più emozionale e interattiva.

Il progetto ha utilizzato come base di partenza i risultati del questionario realizzato dal Parco e dall’Associazione “Salviamo l’Orso” per rilevare le percezioni, le emozioni e le conoscenze dei residenti di alcuni centri del Parco, sul loro personale rapporto con l’orso bruno marsicano, specialmente laddove si verificano episodi di “orsi confidenti”.

Ha, inoltre, previsto incontri con la popolazione e nelle scuole, per la creazione di una narrazione drammaturgica originale a partire dai dati scientifici e dal lavoro di recupero delle storie e delle leggende. Il frutto di questo complesso lavoro di “tessitura” sarà nei prossimi giorni restituito alle popolazioni ed ai visitatori del Parco in forma di spettacolo teatrale.

Lo spettacolo Orsitudine, che vede in scena Angie Cabrera, Stefania Evandro, Armando Rotilio, Alberto Santucci, Rita Scognamiglio, si avvale della regia di Stefania Evandro, e dopo il 17 agosto a Lecce dei Marsi (L’Aquila) andrà in scena il 20 agosto a Pescasseroli (L’Aquila), il 22 a Villavallelonga (L’Aquila), e per finire il 23 a San Sebastiano di Bisegna (L’Aquila).

Dopo lo spettacolo in ognuna delle tappe verrà organizzato un momento di incontro-dialogo e scambio di opinioni tra gli operatori del Parco nazionale e i cittadini.

L’iniziativa intende aprire un’azione partecipata sulla presenza dell’orso nei territori del Parco, e sulle problematiche connesse.

La creazione e la presentazione dello spettacolo Orsitudine fa parte del Progetto “Ambient’Arti. Il paesaggio dà spettacolo”, Festival di Teatro, arte e natura che ha animato il territorio regionale con spettacoli, trekking e iniziative volte alla scoperta e a alla valorizzazione delle aree protette, attraverso l’organizzazione di percorsi ed eventi culturali e artistici.

Il Festival promosso dal Parco e dalla Riserva Zompo lo Schioppo di Morino (L’Aquila), è realizzato tramite la Dmc Marsica con la direzione artistica del Teatro Lanciavicchio, è stato seguito da un numeroso pubblico interessato alle tematiche che intrecciano il territorio con l’arte e la cultura in ambito naturalistico.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021