LABORATORI PER DISABILI DELLA “24 LUGLIO” SUI CAMPI DELLO ZAFFERANO DI NAVELLI


NAVELLI – Promuovere nuovi percorsi lavorativi per persone in situazioni di fragilità. È l’obiettivo del progetto “Di terra e di arte”, promosso dal Consorzio per la tutela dello zafferano dell’Aquila Dop e dalla Comunità 24 Luglio, che da quarant’anni si occupa di assistenza ad handicappati e non.

L’iniziativa, consistita nella realizzazione di due laboratori professionalizzanti, uno artigianale e uno di coltivazione della terra, mira all’inserimento lavorativo di persone con disabilità e i risultati saranno presentati domani, venerdì 7 febbraio alle ore 17,00 a Civitaretenga.

Appuntamento presso l’ex Convento di Sant’Antonio con la presentazione del video reportage del progetto. Alle 18,00 reading concerto con Paolo Fiorucci (voce) e Domenico Gialloreto (chitarra acustica). Letture tratte dal libro 21 poesie invece di chiederti come stai, dello stesso Fiorucci. Alle 19,00 aperitivo e chiusura.

Il progetto – spiegano i promotori – esce dalla logica del semplice “impegno del tempo” delle persone con disabilità. Si tratta di vere e proprie opportunità di formazione che puntano ad una professionalizzazione delle persone coinvolte. Formazione e professionalità spendibili nel mercato lavorativo.

Al progetto, sostenuto grazie ai fondi 8 per mille della Chiesa Valdese, hanno partecipato come destinatari diretti 15 disabili del centro diurno della Comunità 24 luglio, come formatori giovani artigiani del territorio e il Consorzio dello zafferano.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.