L’AQUILA, DALLA PREFETTURA STRETTA SULLA MOVIDA


L’AQUILA – Presieduta dal prefetto dell’Aquila Cinzia Torraco, si è tenuta in Prefettura una riunione del Comitato ordine e sicurezza pubblica, dedicata all’esame della problematica connessa alla ripresa delle attività economiche produttive e sociali ed alla relativa disciplina degli spostamenti delle persone fisiche.

Nel corso della riunione, cui hanno preso parte rappresentanti delle forze dell’ordine, dei Vigili del Fuoco, delle forze armate, della Provincia e del Comune dell’Aquila, dando seguito alle indicazioni contenute nelle circolari del Ministero dell’Interno e del capo della Polizia, si è analizzata la questione dei controlli concernenti il rispetto del divieto di assembramento e la regola del distanziamento sociale, in particolare nei luoghi della cosiddetta “movida”.

Sono quindi state tracciate, in condivisione tra le forze dell’ordine e il Comune, le azioni di contrasto per la prevenzione di tale fenomeno e predisposta l’apposita opera di vigilanza.

Sull’argomento – informa una nota della Prefettura – si è ritenuta peraltro importante un’opera di informazione e sensibilizzazione in particolare nei confronti della popolazione giovanile, attraverso adeguate azioni di comunicazione e divulgazione delle regole, al fine di una condivisione comune di modelli di comportamento virtuosi e rispettosi delle norme vigenti, in modo da evitare eventuali riprese della diffusione del contagio da Covid-19 che possano pregiudicare questo tanto atteso ritorno alla normalità.

Il prefetto Torraco confida nel rispetto del divieto di assembramento e della regola del distanziamento sociale, da parte di una popolazione che, nel corso degli ultimi mesi, ha già dimostrato di saper adottare comportamenti responsabili.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.