L’OLIVA DEL PICENO, TERAMANO E ASCOLANO INSIEME PER RECUPERARE TERRENI ABBANDONATI


TERAMO – L’identità agronomica dell’antico territorio Piceno, che abbracciava Marche e Abruzzo, e le attuali opportunità di sviluppo agricolo e turistico per il teramano.

Se ne parla oggi a Teramo in un convegno nella sala polifunzionale della Provincia.

“Grazie all’Istituto Agrario e Alberghiero Di Poppa-Rozzi, a Città dell’Olio, alla Provincia di Teramo e al Comune di Ascoli Piceno si darà voce al Consorzio Tutela e Valorizzazione Oliva ascolana del Piceno Dop e al professor Leonardo Seghetti per far conoscere l’antichissima cultivar ascolana tenera, i suoi pregi e le sue potenzialità – dice in una nota il consigliere provinciale Domenico Pavone – sono invitati tutti i Comuni che rientrano nel disciplinare Piceno Dop Ascolana, i professionisti del settore e anche chi vuole valutare di coltivare questa varietà, a considerare la possibilità di avere il giusto guadagno con questa coltivazione, magari impiantando nuovi alberi e tornando a coltivare terreni in stato di abbandono”.

Alla fine del convegno, che inizia alle 9, si degusteranno le vere olive ascolane Dop.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.