PARCO GRAN SASSO, LA MAGIA DEI LIUTAI PER FAR RINASCERE MONTORIO


MONTORIO AL VOMANO – La magia dei liutai per aiutare il territorio a rinascere. È un progetto che coniuga artigianato, turismo, cultura  e riscoperta delle tradizioni quello che è stato presentato ieri alla Vetrina del Parco dall’assessore regionale all’Agricoltura Dino Pepe, insieme al Presidente del Parco Nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga Tommaso Navarra,  al Presidente della Fondazione del Gran Sasso d’Italia Arturo Diaconale, al sindaco di Montorio, Gianni Di Centa, al presidente dell’associazione Il Chiostro Maurizio Di Giosia, al comandante provinciale dei Carabinieri forestali Gualberto Mancini e a Marcello Maranella, coordinatore del progetto.

Veri protagonisti dell’evento, i violini, rigorosamente realizzati con legno d’acero abruzzese, apprezzato anche da un maestro come Paolo Sorgentone, liutaio e restauratore fiorentino che ha deciso di aprire la sua splendida bottega artigiana anche ad un giovane liutaio di casa nostra, il trentenne Giacomo Nibid, di Montorio, che potrà svolgere uno stage a Firenze con il patrocinio del Parco.

Le note dei violini, pezzi unici realizzati a mano secondo le antiche tecniche tradizionali, sono risuonate all’interno del Chiostro degli zoccolanti, grazie anche alla giovanissima Martina Troiano, che ha dato prova di come l’amore per questo tipo di musica sia presente anche nelle nuove generazioni.

“Ci impegneremo – ha detto il sindaco Di Centa – affinché nel centro storico del nostro paese possa nascere un’area artigianale diffusa, con la riscoperta di mestieri come quello del liutaio, che possono creare indotto anche a livello economico”.

Ed è proprio questo lo scopo del progetto pensato da Maranella, che ha studiato a fondo sia le tradizioni del territorio che la qualità del legno d’acero abruzzese. Un materiale che è stato valutato di grande qualità anche da esperti esterni.

“Crediamo che anche il sogno possa rappresentare un elemento di rinascita – afferma Maranella – . Ci sono molte linee di finanziamento per un progetto di questo tipo, che coniuga molti aspetti, dallo sviluppo del territorio, alla cultura, all’economia, e che può creare una filiera virtuosa anche relativamente ad una grande eccellenza del nostro territorio che il conservatorio musicale Braga”.

Ieri, sempre in tema del rilancio turistico, è stata presentata la Guida ai Sapori e Saperi d’Abruzzo. Hanno partecipato, tra gli altri, il presidente del Bim Moreno Fieni, il presidente della Provincia di Teramo Renzo Di Sabatino e il direttore Guide di Repubblica ai sapori e piaceri d’Italia Giuseppe Cerasa.

Alla presentazione è seguito il concerto “Gli archi dell’Arcadia” diretti dal M° Paolo Giuseppe Oreglia che hanno eseguito “Le quattro stagioni” di Vivaldi.

Tra gli eventi collaterali, anche “L’artigianato in vetrina”, con la riscoperta degli antichi mestieri nelle strade del centro storico.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022