RACE FOR THE CURE, ANCHE A PESCARA ARRIVA LA CORSA IN ROSA DI KOMEN ITALIA PER LA LOTTA AI TUMORI AL SENO


PESCARA – “Avvolgeremo Pescara in una nuvola rosa”. Il rosa della prevenzione per una più efficace lotta ai tumori al seno.

È con questa delicata, ma al tempo stesso forte immagine che Isabella Marianacci, presidente del comitato Abruzzo della Susan G. Komen Italia, l’organizzazione in prima linea nella lotta ai tumori del seno, ha annunciato la prima edizione pescarese della Race for The Cure.

Dal 20 al 22 settembre il capoluogo adriatico accoglierà la manifestazione, creata 20 anni fa a Roma, approdata poi nelle città di Bari, Bologna, Brescia e Matera, e dedicata alle Donne in Rosa, donne che stanno affrontando o hanno affrontato il tumore del seno, vere protagoniste del cambiamento culturale nell’approccio alla malattia.

“La Race for the Cure – ha sottolineato Marianacci – rappresenta un’occasione preziosa per accendere i riflettori dell’opinione pubblica sulla cultura della prevenzione, sensibilizzando i cittadini sull’importanza di fare prevenzione come arma strategica per combattere i tumori al seno, che può portare a una diagnosi precoce e quindi a percentuali di guarigione più elevate anche attraverso cure meno invasive per le Donne in Rosa, che impattano in maniera minore sulla psiche e sul corpo. È una grandissima soddisfazione vedere la Città di Pescara e la Regione Abruzzo mobilitate per accogliere la prima edizione della Race for The Cure, un progetto estremamente impegnativo e ambizioso ma straordinariamente bello”.

Alla presentazione della manifestazione, infatti, accanto alla presidente Marianacci si sono riuniti il presidente della Susan G. Komen Italia Riccardo Masetti, direttore del Centro Integrato di Senologia del Policlinico Gemelli, il presidente della Regione Abruzzo Marco Marsilio, l’assessore regionale allo sport Guido Quintino Liris, il sindaco di Pescara Carlo Masci, gli assessori comunali Patrizia Martelli e Alfredo Cremonese, la responsabile del reparto di Radiologia Senologica dell’Ospedale “G. Bernabeo” di Ortona e referente Screening mammografico ASL Lanciano-Vasto-Chieti- Ortona, Marzia Muzi, e i numerosi sostenitori del progetto.

“L’avventura della Komen Italia è cominciata 20 anni fa a Roma, come una scommessa – ha detto il presidente Masetti – . La caratteristica di questa manifestazione è che le donne che hanno avuto un tumore al seno scelgono di rendersi visibili, indossando una maglietta rosa, e questo rappresenta un grande incoraggiamento per le donne che stanno affrontando questo problema. Qui in Abruzzo abbiamo messo in piedi un team di giganti, in primis la presidente Isabella Marianacci, che ha saputo coinvolgere una squadra molto forte e le istituzioni. Ci troviamo di fronte a una line up di partenza molto speciale quindi credo ci siano tutti i presupposti per fare molto bene e mettersi al servizio del territorio”.

La manifestazione prenderà il via il 20 settembre alle 15 con il taglio del nastro del villaggio della salute in piazza della Rinascita dove, nel pomeriggio di venerdì e tutta la giornata di sabato, saranno offerte gratuitamente consulenze specialistiche ed esami diagnostici per la prevenzione dei tumori del seno e ginecologici, dei tumori della pelle e delle patologie cardio-vascolari. Sarà inoltre possibile sottoporsi a test audiometrici e screening dell’udito, consulenze nutrizionali e di training autogeno ed alla misurazione della pressione arteriosa. Sarà attivo anche uno sportello informativo sui programmi di screening per la prevenzione del tumore del seno, del collo dell’utero e del colon.

Il Villaggio sarà animato da numerose attività di sport e fitness, tra le quali: tangoterapia, pilates, nordic walking, yoga, scherma terapeutica e circuito tone-up. Verrà allestita un’area “ad hoc” per le Donne in Rosa con attività a loro interamente dedicate: laboratori per imparare ad indossare i turbanti e per creare fiori di carta, sessioni di Body Mind, di Flow Stretching, di posturologia ed osteopatia per il trattamento post- operatorio, di Beauty Lab, di consulenze di supporto psico-oncologico, di mindfulness e tanto altro ancora (per l’elenco completo delle attività consultare il Programma).

Attenzione anche ai bambini con un’area Kids&Teen, ricca di iniziative ludiche e didattiche a cura di Cartoonito, ma anche alla riflessione e all’approfondimento con talk show e conferenze su temi legati alla tutela della salute femminile, alla prevenzione, alla sana alimentazione ed ai corretti stili di vita.

Domenica sarà la giornata dedicata proprio alla Race for the Cure. Alle 9.40, i circa 5.000 partecipanti previsti si ritroveranno ai nastri di partenza per la corsa di 5 km, sia competitiva che amatoriale, o per la passeggiata di 2 km. Entrambi i percorsi partiranno da Via Nicola Fabrizi (angolo Via Roma) e arriveranno sul lungomare all’altezza della Nave di Cascella. Per iscriversi alla Race, la donazione minima è di 13 euro, ma donando 15 euro o più i partecipanti contribuiranno al progetto “Carovana della Prevenzione
Dal 2000 ad oggi, l’Associazione ha investito più di 17 milioni di euro in oltre 850 nuovi progetti per la salute delle donne. Grazie ai fondi raccolti nelle precedenti edizioni della Race for the Cure, Komen Italia ha potuto sostenere 93 nuovi progetti di associazioni impegnate nella lotta ai tumori del seno in 17 regioni italiane, oltre alla Carovana della Prevenzione.

I fondi raccolti con la I edizione della Race for the Cure di Pescara verranno utilizzati per sostenere progetti di supporto alle donne operate e di promozione della prevenzione nella regione Abruzzo.

“Ogni anno in Italia si registrano 52.000 nuovi casi di tumori al seno – ha specificato Masetti – e per quanto sia una malattia altamente curabile, soprattutto se identificata in fase iniziale, purtroppo più di 12 mila donne ogni anno perdono la loro vita. Quindi c’è ancora molto da fare e l’obiettivo di questa manifestazione è proprio di tenere alta l’attenzione”.

LE FOTO