SANT’AGATA, A CASALE DI SCOPPITO SI RINNOVA LA TRADIZIONE TRA SACRO E PROFANO


SCOPPITO – Una festa di popolo, che unisce persone di ogni età ed estrazione sociale, tra il sacro e il profano.

È quella che si celebra a Casale di Scoppito (L’Aquila) in occasione di Sant’Agata, protettrice, tra le altre cose, di panettieri e fonditori di campane, il 5 febbraio di ogni anno attraverso una celebrazione religiosa che, poi, diventa anche popolare.

Portata avanti dalle famiglie Fiamma, la tradizione prevede una messa all’altare consacrato alla Santa, nell’Abbazia di San Bartolomeo, la benedizione dei pani nelle case e, in seguito, una celebrazione più “profana”, con banchetti, canti e balli.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021