ABRUZZESI IN TRENTINO ALTO ADIGE, A BOLZANO CONFERENZA SU D’ANNUNZIO

Foto di Foto Arte Asmodeo Rennes

BOLZANO – Nel quadro delle attività culturali, la Libera Associazione Abruzzesi Trentino Alto Adige, presieduta da Sergio Paolo Sciullo della Rocca, ambasciatore d’Abruzzo nel mondo, insieme alla Federazione provinciale di Bolzano dell’Associazione nazionale volontari di guerra e all’Accademia culturale internazionale San Venceslao di Bolzano, ha organizzato presso il Circolo unificato dell’Esercito a Bolzano una conferenza su “Gabriele D’Annunzio soldato”, relatore d’eccezione lo storico dottore Achille Ragazzoni, che davanti a un pubblico qualificato ha illustrato la figura del grande soldato abruzzese medaglia d’oro al valore militare narrandone le gesta nel corso della prima guerra mondiale e durante la reggenza del Carnaro.

I convenuti – si legge in una nota – sono rimasti colpiti dalle gesta del volo su Vienna e dalla beffa di Buccari, tante le domande poste dai presenti volte a conoscere alcuni particolari delle battaglie dell’Isonzo e della reggenza di Fiume.

Al termine il presidente Sciullo della Rocca ha ringraziato il dott. Ragazzoni per la sua esaustiva esposizione portando ai convenuti il saluto del presidente dell’Associazione nazionale Volontari di Guerra Roberto Pintus sodalizio che quest’anno compie il suo centenario, associazione questa voluta fortemente da Gabriele d’Annunzio per riunire tutti i volontari che con il loro sacrificio hanno contribuito ad accrescere la grandezza e il prestigio della patria Italia, di cui fu anche presidente onorario.

Ha poi ringraziato i soci organizzatori della serata Girolamo Sallustio e Gabriele Antinarella, il direttore del Circolo militare, tenente colonnello Daniele Battaini per l’accoglienza e il supporto senza precedenti fornito per la riuscita della significativa serata dedicata ad un eroe abruzzese che merito una medaglia d’oro al valore militare, cinque d’argento e una di bronzo le cui testimonianze ed i vari cimeli sono presenti al Vittoriale di Gardone Riviera (Brescia) e anche presso la locanda Caldora a Pacentro (L’Aquila) curata con rara perizia da Carmine Cercone, mete queste di notevole interesse turistico culturale.

Ospite all’appuntamento culturale Bernhard Kiem, già console onorario di Russia a Bolzano.