ACCORDI A QUOTA 2.115 METRI, SUONARE SULLA VETTA DEGLI APPENNINI IN CONCERTO ALL’OSTELLO

Foto Lucio Di Sanza

L’AQUILA – L’emozione di suonare davanti all’Ostello più alto d’Europa, con i suoi 2.115 metri sul livello del mare. Un palco minimal allestito sul piazzale di Campo Imperatore, lì dove arriva la funivia del Gran Sasso. Due chitarre, tre microfoni e un repertorio che sa adattarsi alle circostanze e ai repentini cambi climatici.

L’ostello sorge proprio dove arrivava la vecchia funivia, dismessa nel 1988 e diventa naturalmente un museo. L’ingresso dell’ostello è collegato direttamente alla stazione attuale. Campo Imperatore è la base anche per chi pratica sci alpinismo godendo dei meravigliosi panorami che il Gran Sasso offre.

Anche in questi ultimi giorni di estate, è possibile intraprendere i sentieri che conducono verso le numerose vette del massiccio: Corno Grande e Corno Piccolo, Monte Portella, Monte Aquila, Monte Scindarella, Monte San Franco, Pizzo Cefalone, Monte Corvo, Pizzo d’Intermesoli, Monte Brancastello, Monte Prena e Monte Camicia.

È possibile inoltre raggiungere il Rifugio Duca degli Abruzzi, situato a 2.388 metri sulla Cresta del Monte Portella, a ridosso del Corno Grande e delle principali vette del massiccio, e il Rifugio Garibaldi, situato a quota 2230 m, al margine di Campo Pericoli, in una zona denominata Conca dell’Oro.

Vari i gruppi che si sono alternati da queste parti. Domenica tocca alla formazione The Colleagues. Francesca Catenacci sul palco in formazione acustica insieme a Fabio Iuliano e Stefano Millimaggi. Un repertorio – tra voce, chitarra, ukulele e percussioni – che spazia dall’alternative rock Usa e Gb, sino alle evoluzioni blues e soul declinate da talenti come Amy Winehouse.

Un percorso di redemption songs che non prescinde da ballate di Woodstock come Somebody to love e accarezza varie icone rock come Patty Smith, Johnny Cash, Bob Dylan. Il riferimento ritmico è quello del grunge anni Novanta, con Pearl Jam, Nirvana, Soundgarden. In scaletta anche qualche omaggio ai cantautori italiani.

I set acustici estivi, elaborati con il supporto di Giancarlo Tiboni, proseguiranno nell’arco del mese di settembre, tempo permettendo.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020