AD AIELLI TORNA BORGO UNIVERSO, QUATTRO ARTISTI INTERNAZIONALI PER QUATTRO WEEKEND


AIELLI – Torna con la sua quinta edizione Borgo Universo, il festival che ha trasformato Aielli (L’Aquila) nel paese dei murales richiamando interesse da ogni parte d’Italia.

Da lunedì prossimo, 12 luglio, fino all’8 agosto, in quattro weekend altrettanti artisti internazionali proseguiranno l’opera decorando altre pareti.

“Anche quest’anno il Comune di Aielli ha deciso di investire in maniera importante sull’arte, strumento e volano unico, imprescindibile è fondamentale per rilanciare con spinta il turismo locale e della Marsica- ha detto il sindaco Enzo Di Natale – . Abbiamo l’obiettivo a breve termine di battere il record di visite dello scorso anno, fissato a circa 100mila presenze. Lo facciamo attraverso la suggestione di Borgo Universo, giunto alla sua quinta edizione, e con investimenti sulla cultura, in particolare in riferimento alla Torre delle Stelle e al potenziamento dell’offerta in materia astronomica”.

“Torna poi il fascino dei nuovi attesi murales. Quest’anno la sinergia con le associazioni del posto si rifà alla neonata Cooperativa di Comunità La Maesa, espressione di un traguardo raggiunto da questa comunità, in riferimento alla nascita di una realtà che cerca di monetizzare il grande lavoro svolto. Siamo riusciti a riunire realtà importanti e sinergie tra associazioni di categoria, enti, Gal. E proprio l’incontro con il Gal è stato fondamentale per partecipare ad un bando per le cooperative del territorio, vinto dalla cooperativa La Maesa, che consente lo sviluppo turistico-ricettivo del borgo di Aielli”.

Il direttore artistico, Antonio Paloma, ha annunciato gli street artist dell’edizione 2021. “Siamo diventati un esempio. Il festival è la festa che celebra il percorso compiuto, all’insegna della condivisione e della sperimentazione”.

Partecipano Marina Capdevila, muralista, pittrice e illustratrice di Barcellona, dove le sue opere comunicano il desiderio di raggiungere la vecchiaia con piena vitalità; Millo, per il quale è un piacevole ritorno, che continuerà la sua opera muraria iniziata l’anno scorso all’interno del borgo per realizzare la prima opera muraria a 360 gradi di Aielli; Agostino Iacurci che partendo da argomenti specifici come l’uso del colore nel mondo “classico” greco e romano, metterà in discussione questioni di tradizione ed identità, investigando il processo di idealizzazione alla base della nascita dei miti storici e il loro impatto sull’immaginario collettivo; Pixel Pancho ed il suo intento di stabilire un punto di contatto tra il mondo umano e quello dei robot, dando così vita ad una nuova umanità metallica, il cui lavoro evidenzia una riflessione sull’esistenza da un nuovo e originale punto di vista. Solitamente si ispira ad artisti famosi e si
lascia lievemente influenzare dai loro stili, mostrando nelle sue produzioni molteplici contaminazioni, il suo è un mix unico che lascerà davvero impressionati e colpiti.

“È giusto per le persone che si sono impegnate in questi anni che abbiano la loro vetrina. Faccio i miei complimenti a questi ragazzi, che senza sosta danno un contributo reale e concreto”, ha detto l’assessore Stefano Di Censo. “In qualità di responsabile non posso che fare loro e a tutti noi un grande in bocca al lupo. Ricorderà il sindaco che qualche anno fa ci consideravano matti. Oggi dico che abbiamo creato uno degli eventi più importanti del territorio”.

“Siamo arrivati fin qui da un’idea partorita 5 anni fa”, ha ricordato Pierluigi Nucci, presidente cooperativa La Mesa. “Siamo sempre gli stessi, pur essendo cambiati i ruoli. Abbiamo capito che con la cultura e con l’arte si può rilanciare un sistema, un paese. Oggi vi parliamo dei nuovi murales, ma non dimentichiamo le tante associazioni coinvolte nel cartellone del Festival, che daranno contributo fondamentale con iniziative e manifestazioni proprie. L’obiettivo è andare oltre i confini della Marsica. Doveroso il ringraziamento a Birra del Borgo, che dal 2019 ci sostiene e che quest’anno ha voluto rafforzare la sinergia diventando main sponsor”.

Massimiliano Monnetti, presidente Confcooperative Abruzzo, ha parlato di Aielli come “catalizzatore di energie, esempio in Abruzzo di come si possono mettere a valore le ricchezze di un patrimonio. La pubblica amministrazione ha giocato un ruolo strategico come soggetto facilitatore e di innesco. Gli abitanti locali poi hanno fatto la differenza mettendosi in gioco. Qui si respira un’energia vitale, di cui il Paese oggi ha bisogno. E’ una ventata di positività, i “folli” di cui parlava l’assessore sono l’elemento fondamentale. Un grande in bocca al lupo a loro, il mondo dell’economia vi sostiene e vi sosterrà perché avete dimostrato di essere validi e competenti”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022