I SOLISTI AQUILANI A SAN PIETRO AD ORATIUM


CAPESTRANO – Ancora un appuntamento con Musica e Territorio e I Solisti Aquilani Quartetto (Marino Capulli e Rocco Roggia violini; Luana De Rubeis viola; Giulio Ferretti violoncello).

Tappa il 29 giugno a Capestrano (L’Aquila), ore 17,00, per un concerto a San Pietro ad Oratorium, luogo che racchiude un pezzo di storia che travalica l’anno mille e che ci racconta di epoche antichissime con la testimonianza di un alto Medioevo pochissimo documentato e proprio per questo da considerare prezioso, da conservare e da consegnare alle generazioni future. E la musica diviene qui proposta e pretesto di viaggi capaci di coniugare un evento culturale unico e irripetibile – come un concerto dal vivo – con i luoghi che diventano il palcoscenico naturale dell’esecuzione.

In programma – informa una nota – i Divertimenti K 136, K 137 e K138 di W. A. Mozart. I Divertimenti furono scritti tra gennaio e marzo del 1772 a Salisburgo (cinque mesi prima della nomina del musicista a Konzertmeister, con 50 fiorini annui di stipendio, alla corte dell’arcivescovo Geronimo di Colloredo) e appartengono quindi alla produzione strumentale di un Mozart sedicenne, che assorbe e assimila esperienze e stili altrui, specialmente della scuola barocca e della sinfonia d’opera italiana. Si tratta di musiche di piacevole ascolto, dalla scrittura semplice e lineare e dai giochi armonici chiari e precisi, improntati ad un classicismo sereno e molto equilibrato.

Per chi volesse, nella tarda mattinata, c’è anche la possibilità di godere del tradizionale pic-nic allestito per la festa del Santo Patrono sul prato adiacente la chiesa. Necessaria la prenotazione presso la Pro loco di Capestrano.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022