MEMORIA E VIAGGIO, 250 STUDENTI ABRUZZESI NEI LUOGHI EUROPEI SIMBOLO DEL NOVECENTO


L’AQUILA – Dal 24 al 29 febbraio oltre 250 tra studenti e docenti delle scuole superiori abruzzesi vivranno una intensa esperienza nei luoghi simbolo del ‘900: Vienna, dove si attuò l’annessione dell’Austria al nazismo; Brno, dove la “marcia della morte” ha segnato una ferita storica rimasta aperta tra cechi e tedeschi dal 1945, quando oltre ventimila tra donne, bambini e anziani di origine tedesca furono espulsi dalla città in una marcia forzata di 50 km verso il confine austriaco; Cracovia, il cui ghetto ebraico ha rappresentato una fase cruenta e tragica dello sterminio degli ebrei; infine i campi di concentramento e di sterminio di Auschwitz I e di Auschwitz Birkenau.

Il viaggio è il punto focale della nona edizione del progetto – corso di formazione “La Memoria e il Viaggio – la fabbrica della morte: emarginazione, ghettizzazione, internamento, annientamento”, organizzato da questo Istituto Abruzzese per la Storia della Resistenza e dell’Italia Contemporano.

Gli studenti e i docenti, provenienti dal Convitto nazionale “Domenico Cotugno”, dall’Istituto d’istruzione superiore “Andrea Bafile-Fulvio Muzi”, dall’Istituto “Amedeo d’Aosta” di L’Aquila, dal Liceo Scientifico Vitruvio di Avezzano, dall’Istituto d’istruzione superior Ovidio di Sulmona e dal Liceo Scientifico “Filippo Masci di Chieti, hanno partecipato a incontri di formazione con esperti quali Alexian Santino Spinelli e Anna Foa, e si sono recati in visita presso la sinagoga, il museo e il ghetto ebraico di Roma.

Il progetto è finalizzato alla conoscenza delle congiunture di negazione dei diritti che hanno prodotto le leggi razziali, la nascita dei campi di concentramento e di sterminio e l’eliminazione sistematica di milioni di persone – vero spartiacque della storia contemporanea – e di quanto attinente ai concetti di ristabilimento, affermazione, educazione alla legalità.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.