NEL CENTRO STORICO DELL’AQUILA UN GRANDE GIOCO COLLETTIVO PER LE FAMIGLIE


L’AQUILA – Quarantanove attività commerciali coinvolte, quattordici disegni temporanei che compariranno per le strade del centro storico dell’Aquila, tanti indizi e trenta giorni per scovarli tutti. Al via “30 giorni di buonumore”, un mese di divertimento e sorprese per bambini, famiglie e cittadini, promosso dal progetto “BenEssere al centro”.

Dal 19 ottobre al 15 novembre, ogni settimana in punti diversi del centro storico compariranno disegni temporanei realizzati dai volontari dell’associazione Brucaliffo. Attraverso la Mappa del buonumore, (già distribuita in città e scaricabile sulla pagina Facebook BenEssere al centro) i partecipanti potranno individuare le attività commerciali aderenti: recandosi in una di queste riceveranno gratuitamente “il kit del buonumore” e potranno partecipare al contest che verrà lanciato lunedì 19 ottobre sulla pagina Facebook BenEssere al centro.

Come si gioca? Basterà seguire gli indizi che verranno lasciati sulla pagina Facebook, raggiungere i disegni, scattarsi un selfie o una foto con il kit e condividerla su Facebook con l’hashtag #30giornidibuonumore: chi posterà più foto vincerà dei premi a sorpresa.

Le modalità del gioco sono state espressamente ideate per garantire il massimo della sicurezza, senza rinunciare al divertimento e alla spensieratezza di cui tutti, in particolare bambine e bambini, hanno bisogno: la vicinanza sarà dunque solo “virtuale” ma consentirà ugualmente ai partecipanti di giocare, divertirsi e sentirsi complici di una grande gioco collettivo.

Obiettivo dell’iniziativa è infatti creare un momento di intrattenimento condiviso, in grado di far sentire le famiglie a proprio agio nel muoversi per la città, riscoprendo angoli del centro storico dimenticati e le attività commerciali che contribuiscono ogni giorno a renderlo vivo. Si intende inoltre attivare una rete virtuosa tra associazioni, famiglie, commercianti e cittadini, nell’auspicio che si possano rafforzare i legami interni alla città e migliorarne la qualità della vita, ben oltre la fine del progetto. Segno tangibile di questa unione sarà un disegno in materiale termoplastico ecologico, che entrerà a far parte dell’arredo urbano della città.

L’evento si colloca all’interno di “BenEssere al centro, Formazione, buonumore, idee di impresa per la ricostruzione sociale e culturale”, un progetto che, attraverso una ricca serie di eventi e iniziative, vuole portare benessere e buonumore nel centro storico dell’Aquila.

Sostenuto con fondi Restart-Sviluppo delle potenzialità culturali ai sensi della delibera Cipe 10 agosto 2016, n. 49, vede come capofila l’associazione Brucaliffo in partenariato con l’associazione Atelier Kontempo’raneo, Libera Pupazzeria, Piripù Giochi e Parole e l’Università degli Studi dell’Aquila.

Dopo una prima parte formativa che ha condotto dieci giovani studentesse e studenti nel mondo delle imprese culturali, si è aperta la fase degli eventi con “Sorrisi a portata di mano”, in cui le associazioni partner del progetto hanno dato vita a letture, performance e laboratori gratuiti che hanno coinvolto molti bambini e le loro famiglie. Il progetto si concluderà con un convegno organizzato dall’Università degli studi dell’Aquila, cui prenderanno parte relatori di calibro internazionale e in cui verrà presentato il report di monitoraggio delle attività condotto dall’Università.

“Questo progetto, rimodulato a causa dell’emergenza sanitaria, ci sta regalando tantissime soddisfazioni”, afferma in una nota Cecilia Cruciani, coordinatrice di “BenEssere al centro” e presidente dell’associazione Brucaliffo. “Per noi è molto importante occuparci del buonumore di bambini e famiglie, soprattutto in questi mesi, così difficili e delicati per tutti. Il partenariato coinvolto funziona: insieme abbiamo superato ogni difficoltà grazie all’obiettivo comune di riportare a vivere la quotidianità del centro storico come un luogo sicuro per trascorrere momenti con la famiglia”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.