“NEVERMORE 2019”, LO SCIENTIFICO DI AVEZZANO CONTRO OGNI FORMA DI VIOLENZA


AVEZZANO – Si è conclusa da poco la settima edizione di “Nevermore”: evento realizzato con gli alunni del Liceo scientifico “Vitruvio Pollione” di Avezzano (L’Aquila) contro la violenza di genere.

Due sono stati i momenti salienti di questa edizione: l’incontro con gli studenti di lunedì 25 novembre e lo spettacolo di giovedì 28.

Nella prima delle due date si è tenuto l’incontro degli studenti con la giornalista di Rai 3 Sabrina Carreras, organizzato dalla prof.ssa Anna Tranquilla Neri in accordo con il dirigente scolastico, prof. Francesco Gizzi, con la collaborazione dei professori Maurizio Lucci e Roberta Placida.

Carreras ha illustrato ai ragazzi il progetto “Facciamo gli uomini” ideato dall’Aic (associazione italiana calciatori) volto alla prevenzione e al contrasto della violenza sulle donne e realizzato con il contributo della Presidenza del Consiglio dei ministri–Dipartimento per le Pari opportunità e con il patrocinio di Figc, Ics, Aia, Aiac, Lega Serie A, Lega Serie B, Lega Pro e Lega nazionale Dilettanti.

Il 28 novembre invece, presso il Teatro dei Marsi, si è svolto lo spettacolo a cui hanno partecipato alunni ed ex alunni, come nel caso dell’attore Alessandro Scafati.

L’evento fu ideato sette anni fa da Lucci, con la collaborazione di Placida, sulla scia dell’indignazione pubblica per il duplice femminicidio di Pescina del 2013, le cui vittime erano madre e figlia: Fatime e Senade.

Il Liceo scientifico di Avezzano ha voluto così, ancora una volta, rispondere a ogni tipo di prevaricazione, violenza e sfruttamento, con brani musicali, testi recitati e componimenti poetici, per sensibilizzare il pubblico su un tema attualissimo.

Uno degli spezzoni teatrali più consistenti ha rievocato la figura di Ilaria Alpi, la giornalista di Rai 3 uccisa a Mogadiscio insieme al suo cineoperatore Miran Hrovatin: le indagini sulla loro morte furono inficiate da uno dei più grandi depistaggi degli ultimi decenni.

Allo spettacolo hanno preso parte anche i musicisti Renzo Lanciotti e Gianluca Savina, accompagnati dai docenti-musicisti Giampiero Torlone, Emiliano Bucci e Marco Buzzelli.

Infine, si è esibito anche il coro dell’istituto comprensivo di Magliano dei Marsi, diretto dalla prof.ssa Sonia Cusenza.

“Anche quest’anno è stata una bellissima esperienza – ha detto Roberta Placida – . Due cose mi hanno colpito in particolare: il numeroso pubblico della sera, segno che ormai è un appuntamento che le persone aspettano e che l’opera di sensibilizzazione alla tematica sta diventando capillare e i ragazzi/artisti commossi fino alle lacrime alla fine dello spettacolo. Per qualcuno è stato l’ultimo Nevermore come alunno del liceo. La nostalgia e la malinconia già si sono fatte strada. Evidentemente il percorso ha segnato profondamente: da prof io ho vinto tutto!”.

“Sono molto soddisfatto dell’evento e soprattutto sono orgoglioso dei nostri ragazzi che si sono impegnati tantissimo dando vita ad uno spettacolo pieno di emozione. Sono giovani di talento che sanno essere umili per mettersi al servizio di tematiche sociali importanti”.

“Il risultato è che Nevermore ogni anno coinvolge più persone: sono sicuro che i nostri ragazzi saranno davvero promotori solo di bellezza e combatteranno sempre ogni forma di violenza”, ha concluso l’ideatore Maurizio Lucci. Alessandra Prospero