PINOCCHIO IN SCENA ALL’AQUILA PER “CRESCERE A TEATRO”


L’AQUILA – Per “Crescere a Teatro”, la rassegna del Tsa dedicata ai più piccoli, va in scena a L’Aquila, Ridotto del Teatro Comunale, domenica 12 gennaio, ore 17,30, l’immortale burattino e il suo viaggio alla scoperta del mondo: Pinocchio, ideazione e regia Mario Fracassi, musiche e canzoni di Paolo Capodacqua, scene di Telapinta, costumi di Antonella Di Camillo e Daniela Verna, con Laura Tiberi, Roberto Mascioletti, Santo Cicco e Mario Fracassi.

Il burattino è una straordinaria creazione artistica di Dino Paoloni. Una produzione del Teatro Stabile d’Abruzzo in collaborazione con Fantacadabra.

L’originalità di questo “Pinocchio” sta nel presentare il testo di Collodi con il linguaggio della Commedia dell’Arte: Pinocchio è l’ultima maschera, l’ultimo erede della tradizione della Commedia dell’Arte, il teatro della finzione per eccellenza; la sua, è la parabola tragica della decadenza della menzogna nella modernità, quella menzogna che non si occulta ma che mostra il naso.

Una lettura leggera e poetica caratterizzata da musiche e canzoni originali, che non mancherà di guidare il pubblico nella storia, appassionando, divertendo e commuovendo. Un altro grande appuntamento di teatro non solo per i più giovani ma anche per chi ama riscoprire atmosfere passate, con le quali magari è cresciuto sognando e ridendo con la Letteratura e il Teatro.

“Lo spettacolo – spiega il regista Mario Fracassi – sarà un lungo viaggio insieme ai personaggi, le situazioni e le emozioni delle Avventure di Pinocchio per ritrovare, in particolare, il cammino di crescita percorso dal personaggio Pinocchio nel suo divenire: da burattino a bambino. Il tutto in una scenografia mutevole ed essenziale. Proprio come i grandi classici, i drammi di Shakespeare, o l’Odissea, Pinocchio racconta infatti un rito di iniziazione, il passaggio dall’infanzia all’adolescenza di un burattino-bambino alla scoperta del mondo. Dal bisogno dell’uomo solo nasce l’avventura del bambino, che riflette anche quella del padre.
Lo spettacolo è un continuo passaggio da momenti di teatro povero a soprassalti di fantasia. Nel suo viaggio alla scoperta del mondo Pinocchio s’imbatte nel Paese dei Balocchi, nel Circo, nel Teatrino di Mangiafuoco, vere esplosioni di scenografie e di colori che stravolgono la scena disadorna nella sua povertà quotidiana”.

Informazioni al botteghino Tsa ai numeri 0862-410956 o 348-5247096.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2020