POPOLI SOUND, UNA PASSIONE PER LA CULTURA MUSICALE LUNGA QUARANT’ANNI

Foto Thiago Barletta on Unsplash
Foto Thiago Barletta on Unsplash

POPOLI – Un palco “bifronte” da un lato e l’altro della Villa Comunale celebra i 40 anni dalla prima edizione del “Popoli Sound”. Era il 1981 quando venne promossa la prima edizione di quello che nel tempo si è rivelato uno degli appuntamenti più interessanti in Abruzzo e non solo.

Nato dalla pervicacia e dall’ostinazione dei ragazzi, che volevano trovare uno sfogo alla loro creatività musicale, con il passare degli anni è diventato un vero e proprio “traguardo” per chiunque sia coinvolto dalla passione musicale.

“Siamo arrivati a questo traguardo”, spiega Vincenzo De Sacntis, avvocato e musicista ai microfoni di Radio Delta 1, “e quest’anno intendiamo festeggiarlo nel rispetto della sicurezza e di tutte le norme anti-Covid. Di qui è arrivata l’idea di far disporre i gruppi su un palco ‘bi-fronte’ che permette una veloce alternanza tra le band, ma anche la possibilità per il pubblico di defluire tra uno show e l’altro. In pratica nel centro della nostra città, verrà allestito un palcoscenico che verrà idealmente diviso in due parti, con un doppio impianto sonoro e luminoso. Mentre una band si esibirà su un ‘fronte’, un’altra si preparerà sull’altro e sarà il pubblico che si sposterà da un fronte all’altro, evitando in questo modo di creare assembramenti e consentendoci di ridurre notevolmente i tempi di ‘cambio palco’”.

Alternanza anche di generi: alla musica dei cantautori, al rap, a musica di tipo quasi cabarettistico, fino al rock nelle sue varie declinazioni, da quello più classico, a quello venato di jazz e pop, al cosiddetto “rock italiano, al “beat-garage” e perfino al rock demenziale. Questo grazie al buon numero di gruppi e musicisti reclutati.

Inoltre, nei momenti precedenti e successivi è previsto l’intervento di un Dj che intratterrà con i suoi vinili proponendo uno stile vicino al funky anni ‘70.

Durante la giornata è in programma anche la mostra “Chiedi chi erano i Beat”, con esposti strumenti musicali, amplificatori, impianti audio, giradischi e magnetofoni rigorosamente del periodo “Beat” degli anni ’60.

L’appuntamento per tutti è alla Villa Comunale di Popoli (Pescara) presso la Villa Comunale. A condurre, oltre a De Sanctis, anche da Tino Setta e soprattutto da Silvia Morra, figlia del presentatore delle prime 10 edizioni, Lucio. “Lo ricordiamo tutti con affetto”, sottolinea De Sanctis.

Foto: Thiago Barletta on Unsplash

Popoli Sound

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021