SUL SET DELLA FICTION SU CELESTINO V, TANDOI E LUKE ANTHON GIRANO A NAVELLI


NAVELLI – “Abbiamo sentito necessario di raccontare la vita di Celestino, secondo la nostra prospettiva e quella degli scritti di don Lelio Marini, perché il suo messaggio resta sempre attuale”.

Sei anni dopo la sua docu-fiction Nolite Timere – L’insegnamento di papa Celestino V, il regista Giuseppe Tandoi torna a girare in una produzione che ne raccoglie l’eredità, frutto della collaborazione con il collega Luke Anthon.

Un lavoro, sostenuto dai fondi restart, che è finalizzato alla realizzazione di una fiction in proiezione nel 2021.

Siate pronti – le chiavi di Celestino il titolo della nuova produzione che regala alle riprese significati simbolici e suggestioni inedite, anche grazie alla partecipazione di Giovanni Visentin nel ruolo di Bonifacio VIII. Ancora una volta, come in “Nolite Timere”, il ruolo principale è stato affidato a Lino Capolicchio.

“Sono particlarmente felice di questo ruolo”, ha detto a margine della sessione di riprese nella chiesa di Santa Maria in Cerulis a Navelli (L’Aquila).

“Ci tenevo a tornare nelle vesti di Celestino e a portare avanti le riprese nonostante la fatica dell’incarico”.

Lo scorso weekend Capolicchio è stato anche ospite della mostra del Cinema di Venezia, tra le nomination al “Premio Kineo” 2020. L’attore era nel cast del film di Pupi Avati Il signor Diavolo. Nell’ambito della kermesse gli è stato assegnato anche un riconoscimento alla carriera.

Protagonista di film celebri come Metti una sera a cena e Il giardino dei Finzi Contini, è un attore tra i più amati e più schivi del cinema italiano. Un carattere ideale per interpretare il papa eremita.

Celestino
Da sinistra, Luke Anthon, Lino Capolicchio e Giuseppe Tandoi

Le riprese della fiction si concluderanno entro il 2020. Per il mese di maggio 2021, sono previste sei proiezioni al cinema-teatro Zeta, partner dell’evento, insieme all’associazione Concentus Serafino. Si pensa anche alla collaborazione con alcune scuole.

“Abbiamo analizzato il processo di canonizzazione”, spiega Tandoi. “Ne esce fuori un racconto che non tralascia l’aspetto spirituale della figura del papa eremita, ma che ne esalta gli aspetti umani, così come le sue capacità di ascoltare, consigliare e guarire”.

Entusiasta anche Luke Anthon. “Una tematica importante per questa città”, valuta, “Siamo contenti di valorizzarla sfruttando un progetto che ci permette di investire e lavorare sul territorio”.

Le riprese sono in corso tra la Valle Peligna e l’Abruzzo aquilano.

Sul set con Giovanni Visentin

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.