CENA ECUMENICA ABRUZZESE PER L’ACCADEMIA ITALIANA DELLA CUCINA


CHIETI – Cena ecumenica regionale dell’Accademia italiana della cucina, istituzione culturale che ha lo scopo di tutelare le tradizioni della cucina italiana, di cui promuove e favorisce il miglioramento in Italia e all’estero.

“Il protagonista di quest’anno è lo zafferano – annuncia in una nota Giovanni Maria D’Amario, coordinatore territoriale dell’Accademica – che sarà presentato, raccontato cucinato e gustato contemporaneamente nelle nove Delegazioni abruzzesi dell’Accademia Italiana della Cucina. Sulla scia della ‘Cena Ecumenica’, che l’Accademia Italiana della Cucina celebra in tutte le Delegazioni del mondo il terzo giovedì del mese di ottobre, la ‘Cena Ecumenica Regionale’ vuole essere un momento molto rappresentativo di questa importante Istituzione culturale e anche l’occasione per sviluppare, attraverso la convivialità, i valori della cucina ed i prodotti del territorio regionale”.

“Tutte le nove Delegazioni Regionali – spiega D’Amario – si riuniranno dunque il 21 febbraio in nove diverse località della regione e celebreranno dal punto di vista gastronomico, storico, ambientale e culturale, lo zafferano, l’oro d’Abruzzo”.

La delegazione di L’Aquila si riunirà presso il ristorante “Le origini” all’Hotel “99 Cannelle” e avrà come relatore Nicola Ursini, produttore e ristoratore. Quella di Avezzano riunirà accademici e ospiti al Ristorante “Lillino” di Aielli che vanta come piatto principe il “Risotto allo Zafferano”.

La Delegazione di Atri (Teramo) celebrerà il connubio difficilissimo ma eccelso tra pesce e zafferano al ristorante “La conchiglia d’oro” di Pineto.

Quella di Pescara al ristorante “Sea River” avrà la preziosa presenza dello zafferano di Navelli e la collaborazione di Livia e Serena Di Battista. La Delegazione di Pescara-Aternum, invece, ha convocato la Cena ecumenica regionale a Manoppello, presso il ristorante “Trita Pepe”.

Accademici e ospiti della Delegazione di Vasto (Chieti) si vedranno, insieme al titolare dell’azienda agricola “Lo Zafferano” di Roccaspinalveti, al ristorante ”L’angolo di Vino” di San Salvo Marina.

La sede di via Bompadre, 2, dell’Istituto Professionale per i Servizi Enogastronomici dell’Ospitalità Alberghiera e Commerciali presso l’Istituto d’istruzione superiore “Crocetti-Cerulli” è stata scelta per la sua conviviale accademica dalla Delegazione di Teramo.

Quella di Chieti ha affidato al Ristorante “Brancaleone” di Roccamontepiano la preparazione di un menu speciale, ovviamente tutto a base di zafferano, proponendo ad accademici e ospiti il contributo culturale del presidente del Consorzio di tutela dello zafferano di Navelli, Massimiliano D’Innocenzo.

“La Cena ecumenica regionale della mia Delegazione, quella di Sulmona, infine, avrà come location il Ristorante Buonvento”, conclude D’Amario, “ci saranno due importanti relatori, il dott. Antonio Pacella, medico nutrizionista, ed Ettore Gentile della Cooperativa Produttori Uniti Zafferano di San Pio delle Camere, ma il protagonista indiscusso, dall’inizio alla fine, naturalmente, sarà lo zafferano”.

La presentazione della manifestazione domani, martedì 18 febbraio alle 10,30 presso la sala consiliare della Provincia di Chieti, in corso Marrucino.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.