IL DOLCE NON DOLCE DEL PESCARESE MICHELE OTTALEVI SUL PODIO AI CAMPIONATI DELLA CUCINA ITALIANA


PESCARA – Croccante al rosmarino, cremoso al mascarpone e cioccolato al latte, morbido di zucca e limone, gelatina verbena e camomilla, gelato alla mandorla e fava di tonca, cake al cioccolato fondente.

Con questo dessert lo chef pescarese (di Spoltore) Michele Ottalevi ha conquistato l’argento nei Campionati della Cucina Italiana 2020.

La fiera di Rimini dal 15 al 18 febbraio ha ospitato la quinta edizione della competizione italiana organizzata dalla Federazione Italiana Cuochi in collaborazione con Ieg (Italian Exhibition Group), all’interno del Beer&Food Attraction.

Oltre 1.500 i cuochi provenienti dall’Italia e dall’estero e centinaia quelli in gara, singola e a squadre, che si sono sfidati nei quattro giorni di competizione nelle categorie cucina fredda, calda, pasticceria da ristorazione e cucina artistica.

Ottalevi, docente alla Red Academy, formatore nazionale della Federazione italiana cuochi, capo team Abruzzo per la Unione cuochi di Pescara ed executive chef nell’hotel ristorante Villa Alessandra di Alanno (Pescara), ha partecipato nella categoria K2 dedicata alla pasticceria da ristorazione.

“Non sono un pasticcere – confessa a Virtù Quotidiane Michele Ottalevi – ma da alcuni anni mi sono specializzato nei dessert per i banchetti. Ho voluto partecipare nella categoria K2 proprio per una sfida con me stesso. Amo giocare con ortaggi e spezie e così ho voluto creare un dessert inusuale, un dolce non dolce capace di portare il palato fino alla fine del piatto anche dopo un lungo banchetto”.

Come stabilito nelle regole della competizione, il dessert era comporto da più componenti di temperature differenti, per innalzare la difficoltà di gara e mettere alla prova le capacità tecniche dei partecipanti. E Ottalevi ha convinto la giuria di esperti, conquistando con il suo dessert inusuale l’argento.

Per lo chef pescarese non è la prima vittoria. Nel suo palmares si contano 7 ori, un titolo di campione italiano assoluto nel 2007 nella cucina calda mediterranea, cuoco dell’anno 2013, tre argenti e una menzione nazionale. Insieme alla squadra pescarese di cui è capo team, ha ottenuto anche due ori e un argento.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.