LA SFOGLIATELLA DI LAMA, DA DOLCE NOBILE A TRADIZIONE POPOLARE


LAMA DEI PELIGNI – Il nome è partenopeo, il gusto abruzzese. La sfogliatella di Lama è il dolce tipico della tradizione natalizia del paese del camoscio, nel Parco nazionale della Maiella. Di provenienza aristocratica, la sfogliatella ha origine nei primi anni del Novecento, quando donna Anna Di Guglielmo, di Civitella Messer Raimondo, sposa il barone Giampietro Tabassi di Lama dei Peligni (Chieti) ed eredita dalla suocera campana la ricetta della sfogliatella napoletana.

Anna, che era una brava cuoca, la modifica e la rivisita in chiave abruzzese. Aggiungendo ingredienti locali, come la marmellata d’uva Montepulciano e lo strutto. La ricetta, segretissima e custodita solo negli ambienti aristocratici, uscì da palazzo nel 1960, quando il cuoco di famiglia la diede ad una sua amica che a sua volta la fece conoscere ad altre signore lamesi. Da quel momento in poi divenne di dominio pubblico e non ci fu festa, principalmente nel periodo invernale, non accompagnata dal dolce tipico.

Ad illustrarci gli  ingredienti e le fasi di preparazione, Rita Cianfarra, fondatrice de I segreti di donna Anna, il laboratorio artigianale gestito adesso dalla figlia Laura Rotunno, che sforna migliaia di sfogliatelle all’anno.

“Nel nostro laboratorio utilizziamo la ricetta originale ma la sfogliatella non è un dolce unico – spiega Rita a Virtù Quotidiane – ognuno ci mette qualcosa di suo e crea delle varianti in base a quello che ha in casa”.

Per l’impasto occorrono farina, acqua, tuorli, un pizzico di sale e strutto. Ottenuto l’impasto, va diviso in piccoli pani da far riposare in frigo. Dalla pasta si realizzano sfoglie molto sottili, quasi trasparenti che vanno stese su un tavolo d’acciaio lungo 3 metri e sovrapposte. Tra una sfoglia e l’altra va spennellato lo strutto liquefatto. Le 5/6 sfoglie sovrapposte vengono arrotolate manualmente e fatte riposare per trenta minuti. Si procede tagliando i rotoli di sfoglia a dischetti – dallo spessore di 1 cm – che, stesi singolarmente con il matterello, diventano sfogliatelle. Le quali vanno riempite con la farcia, richiuse come delle conchiglie e infornate per un quarto d’ora.

La farcitura si fa mescolando  marmellate d’uva Montepulciano, di pesche, e di amarene, noci, pezzi di cioccolato fondente, biscotti secchi e un goccio di caffè. “Il sapore  predominante è quello della marmellata d’uva – chiarisce la pasticciera –  gli altri ingredienti sono complementari e vanno aggiunti mantenendo un perfetto equilibrio dei gusti, senza eccedere nelle singole quantità”.

La sfogliatura del dolce è provocata dal calore della cottura – 250° – che determina la fuoriuscita dello strutto spennellato tra le sfoglie, che si aprono dando vita alla ricercata croccantezza della pasta. Dopo la cottura, le sfogliatelle vanno raffreddate e servite con una spolverata di zucchero a velo.

“La particolarità sta nell’impasto friabile e raffinato – spiega Rita – e nella leggerezza che è garantita nonostante la presenza dello strutto”.

I lamesi sono talmente orgogliosi della sfogliatella che anni fa dedicarono al dessert una festa con due appuntamenti annuali, uno ad aprile e l’altro ad agosto. Sebbene la pandemia abbia impedito l’organizzazione delle ultime edizioni, a Lama non c’è persona che non parli del dolce in modo entusiastico. Le massaie che, prossime al periodo natalizio, sono già all’opera per reperire gli ingredienti e mettersi al lavoro con matterelli e sfoglie. I giovani che lo apprezzano e ne tramandano la tradizione tenendo fede alla ricetta tradizionale. E chi si è messo in gioco, come Rita e Anna,  che con il loro laboratorio artigianale ne garantiscono la produzione in ogni periodo dell’anno.

“La lavorazione – spiega Rita – è complicata poiché interamente realizzata a mano. Gli unici ausili che abbiamo sono l’impastatrice a braccia tuffanti che simula il movimento delle braccia e una sfogliatrice”. La realizzazione del dolce è sicuramente minuziosa e laboriosa ma l’impegno è ripagato dall’apprezzamento dei numerosi degustatori che accorrono in paese per assaggiare le famose sfogliatelle.

“Ci sono molti turisti che ci chiedono di assistere alla preparazione – racconta Rita Cianfarra – . È diventata nostra abitudine aprire le porte del laboratorio e offrire un’esperienza che va oltre l’assaggio”. E così il gusto si arricchisce del luogo, del profumo degli ingredienti e del racconto delle persone che si adoperano quotidianamente per custodire, e allo stesso tempo tramandare, la nobile ricetta delle sfogliatelle di Lama.

LE FOTO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022