TROLL URBANI, QUANDO IN CITTÀ MANCA UN DIBATTITO REALE


L’AQUILA – Durante quest’ultimo periodo ho frequentato un libro, Sognare la Terra, scritto da Fabrice Olivier Dubosc (2020) e mi sono chiesto se potesse esistere anche nell’urbanità contemporanea la figura del troll. Chi è o cos’è un troll nella città contemporanea? Dove si nasconde questa figura mitologica nell’urbanesimo metropolitano?

Andiamo per gradi e andiamo a prenderci per prima cosa la definizione di troll: “Nelle leggende scandinave… è descritto come una creatura ruvida, irsuta e rozza… quando è colpito dalla luce del sole diventa di pietra, dunque si muove solo di notte o nella foresta più fitta”, abita caverne…

Se trasponiamo questi caratteri leggendari sul comportamento che chiunque di noi potrebbe avere, arriva immediata l’associazione col troll internauta: ossia quel “soggetto che interagisce tramite messaggi provocatori, irritanti, fuori tema o del tutto errati con il solo obiettivo di disturbare la comunicazione e fomentare gli animi”.

Ho immaginato che il troll urbano e l’internauta abitino gli stessi luoghi, quelli offerti dalla rete. Questo accade perché gran parte del confronto sui temi urbani avviene sui social, difficilmente viene incoraggiato dall’Ente locale mettendo a disposizione uno spazio istituzionale, riconosciuto, legittimo…

Stando così le cose, conviene indagare le forme che assume il comportamento del troll urbano: egli rifugge la luce del sole dello spazio pubblico, si rifugia nelle caverne e nelle foreste del web. E rifuggire la luce dello spazio pubblico è un dato sostanziale: la paura di essere pietrificato coincide con la paura di essere ammutolito.

Ecco la prima antinomia, quella fra spazio pubblico e spazio virtuale, quella fra i luoghi in cui esiste l’assemblea dei corpi che si manifestano, si scelgono, generano conflitto e soluzioni ed i luoghi immateriali in cui si “associa alla visibilità immediata dei messaggi l’anonimato fisico. Permette di affiliarsi nascondendosi senza dover rendere ragione personalmente a un interlocutore”.

Il troll urbano si nasconde in quelle caverne virtuali dal mondo urbano. E che accade? Al manifestarsi di certe istanze da parte di un gruppo di cittadin* su questioni relative ai grandi temi della città, il troll ha un atteggiamento evitante o distraente (come estrarre variopinti uccelli dal cilindro). Egli non comunica le questioni urbane, o peggio, non appartengono alla sua agenda; non comunica con la città, né con la comunità, non si manifesta mai nello spazio pubblico: egli teme l’ingaggio col dibattito aperto. Il troll predilige una comunicazione finalizzata a propiziare un unico punto di vista, il proprio. È il trionfo della dialettica egoica: è negarsi, non incontrare le ragioni dell’altro. Affida il proprio racconto distorcente a mezzi spersonalizzanti o unidirezionali come post social e dirette o interviste autopromosse.

Questo ostinato individualismo paralizza e pietrifica il dibattito urbano, lo esclude a priori come possibilità di sviluppo. Il troll urbano rappresenta quindi sempre una perdita: per sé stesso e per gli altri. Egli a tutti e tutto nega, nel perdurare di un individualismo escludente e sfascista della possibilità solidale.

Egli parte sempre da una rivendicazione, che divora i processi di umanizzazione relazionale, quei processi che generano conflitto ma anche crescita e progresso; i suoi sforzi di attaccare il prossimo e altre soluzioni possibili ai problemi della città, ne rivelano lo scetticismo conservatore. Il troll sempre si crogiola nell’evidenza quasi ontologica dell’essere fatto “proprio così”, come a dire “è la mia indole”.

Alla fine alla città non resta altro che la negazione di qualsiasi possibilità evolutiva: l’arida eredità del troll.

Una soluzione possibile allo sbocco egoico e pietrificante del troll è il passaggio attraverso lo spazio fisico dell’assemblea, la discussione ed il dibattito pubblico. Sono spazi in cui l’unione dei corpi fa la forza della comunità, spazi che i troll non frequentano oppure spazi in cui guariscono: gli imbonitori ed i dissacratori, i cinici travestiti da civici, gli “etero sapiens patriarcalis” che dileggiano l’inclusività.

La soluzione è l’intreccio della propria storia con quello del proprio contesto, la soluzione è rinunciare soliloquio per condividere un racconto di comunità: la soluzione sta, come insegna Hannah Arendt, nel “Chi sono io per te?”. Quirino Crosta

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021