FOAD E L’ABRUZZO, SFIDA A PAESTUM TRA GIOVANI PROMESSE E TALENTI PER “EMERGENTE SALA 2018”


ROSETO DEGLI ABRUZZI – Foad, un nome arabo che nasconde la parola “cuore”. Se è vero che il destino è scritto nel nome, quello di Foad Achaab ha tanto di buono e di grande da riservare a questo ragazzo dallo sguardo luminoso e profondo, modi garbati e savoir faire da vendere.

Foad, 26 anni, nato ad Anzio da genitori di Casablanca, cresciuto ad Avezzano (L’Aquila) e diplomato all’alberghiero di Roccaraso, porta i colori dell’Abruzzo a Emergente Sala centro-sud 2018, il contest nazionale riservato a giovani camerieri under 30, un’idea del critico gastronomico Luigi Cremona (Witaly) per valorizzare il lavoro insostituibile dei professionisti della ristorazione e dell’ospitalità in genere (www.emergentesala.it).

Unico abruzzese in gara su una ventina di aspiranti al titolo, Foad, maitre del Manetta ristorante di mare, a Roseto degli Abruzzi (Teramo), porterà con se al Savoy Beach di Paestum il 23 e 24 maggio – date della selezione di Emergente Sala Centro-Sud, in concomitanza con il congresso internazionale Le Strade della Mozzarella (www.lsdm.it) – tutto l’orgoglio e l’ambizione di chi ha creduto in lui fin dal primo momento.

In primis lo “zio” Fabio Ferrara, titolare e patròn dell’Osteria del Tarassaco, a Rivisondoli (premiato quest’anno miglior ristorante dell’olio dall’Airo, l’associazione internazionale ristoranti dell’olio, al Magnifico 2018). Sotto la guida del suo mèntore, lo “zio Fabio”, Foad si è fatto le ossa per qualche stagione fino all’incontro (favorito dallo “zio”, talent scout con i coniugi Manetta, titolari dell’omonimo ristorante di Roseto).

Una storia di tenacia quella di Foad. E di passione. Per un modello di vita “europeo” non sempre compreso dall’ambiente famigliare di fede musulmana. “Da noi in famiglia l’alcol è vietato, sono stato osteggiato da tutti, per loro ero “l’europeo che beveva” racconta a Virtù Quotidiane. “Dopo la scuola per cinque mesi sono rimasto in convitto a Roccaraso, “la mia vita è qua” ho risposto a mia madre, che poi finalmente ha capito quanto tenessi a diventare sommelier. L’ho fatto contro la volontà di tutti”.

In cinque anni insieme, il trio Foad-Marco-Maruska-Manetta si è cementato. Foad, che parla tre lingue, è cresciuto professionalmente, è diventato anche sommelier dell’olio, e oggi è responsabile di sala e cantina nell’apprezzato ristorante di mare in via Somalia, nella vivace Roseto degli Abruzzi.

“I clienti amano le nostre proposte, mangiano tutto e restano volentieri fino a tardi. È una vera soddisfazione vederli tornare col piacere di intrattenersi qui da noi. È più importante di una stella in guida” racconta il giovane maitre.

Suadente nel tono, aggraziato nei modi, mai invadente ma sempre vigile, attento a consigliare i commensali per il meglio, Foad è l’anima del Manetta. Puro istinto e talento affinati con la preparazione. L’esperienza di sala e di cucina sono da sempre il suo pane quotidiano. Così come la conoscenza del territorio e della materia prima, “il più selezionato pescato dell’Adriatico” conferma Maruska Fala, cuoca pasticcera autodidatta perfezionatasi ai corsi dei maestri dell’arte bianca.

“Valutiamo sempre insieme la messa a punto di un piatto, ogni volta., anche per i dessert. Tre teste, tre palati, sono sempre meglio di uno” dice ancora Foad. Esaltare la freschezza del prodotto e la leggerezza della mano – “non troppo gourmet, cioè senza esagerare”- del cuoco e patron, Marco Manetta, è compito suo. E ci riesce benissimo.

Prodigo di proposte tra oli monovarietali (mai vista altrettanta generosità nel chiudere il piatto!), vini “naturali” e bollicine d’autore. Tutto per Foad è materia appassionante da approfondire giorno dopo giorno. “Sono appassionato del mio lavoro, farei qualsiasi cosa per imparare di più, prima possibile” ammette.

Curiosità e adrenalina, il suo mix vincente. E “voglia di restituire a chi mi ha fatto crescere”. Perciò, comunque vada nelle due impegnative, entusiasmanti giornate di Paestum, Foad si dice già vincitore.

“Comunque vada sarà un successo” ripete, “tra prove teoriche e pratiche dovrò vedermela con la ‘ragazza’ di Uliassi e con altri stellati, con il ristorante ‘Da Vittorio’, ai vertici internazionali. Io vengo dalla gavetta e non sono certo arrivato. Ho tutto ancora da imparare, tante cose nuove ancora da conoscere”.

Ad maiora!

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022