“IL GIRO DEL MONDO IN 80 CANTINE” NEL LIBRO DI MIKE VESETH PRESENTATO A CONEGLIANO

CONEGLIANO – Un viaggio attorno al mondo attraverso il vino raccontato da 80 delle principali Cantine a livello planetario. Questo l’intento di Il Giro del Mondo in 80 Cantine, l’ultimo lavoro letterario del giornalista e redattore americano del The Wine Economist Mike Veseth, presentato lo scorso 22 settembre al Campus Universitario di Conegliano (Treviso), in occasione della cerimonia di consegna della prima Borsa di Studio Internazionale intitolata ad Etilia Carpenè Larivera, sesta Generazione della Famiglia del Prosecco.

“Un evento – dice in una nota Rosanna Carpenè, quinta generazione della famiglia nonché presidente della Fondazione Its Academy – che si è coerentemente inserito nel prospettico contesto internazionale della cerimonia di consegna della Borsa di Studio, con cui si è inteso premiare l’Allievo più meritevole dell’Istituto Cerletti creando i presupposti per maturare un’esperienza presso un’Università ed un’Impresa all’estero. Un’opportunità per approfondire le dinamiche economico-finanziarie inerenti al settore agro-alimentare ed alla sostenibilità ambientale, quali fattori critici di successo sui mercati internazionali”.

L’autore, ospite dunque della giornata, che ha celebrato la prima Borsa di Studio Internazionale intitolata alla sesta generazione della Famiglia Carpenè, Etilia, ha speso in tale sede parole di elogio per la storica Cantina, sottolineando in particolare l’importanza della condivisione, oggi come ieri, dei valori fondanti delle origini.

“Carpenè Malvolti è un’Impresa di valore e sono onorato di aver partecipato a questa giornata – ha commentato Mike Veseth – siamo di fronte ad un’Impresa storica che fin dall’inizio è stata lungimirante ed ha saputo guardare al futuro andando avanti senza dimenticare il passato”.

Al contrario di quanto si potrebbe evincere dal titolo, il libro di Veseth non è una pubblicazione sul vino ma sulle persone e l’intento dell’Autore è quello di introdurre i lettori ad un virtuale giro attorno al mondo attraverso il vino di 80 tra le principali Cantine, scegliendo come simbolo dell’Enologia Italiana proprio quel Prosecco, di cui il Fondatore della Carpenè Malvolti si può pregiare di esserne stato l’inventore già nel 1868.

Ispirata nel titolo dal romanzo di Jules Verne, Around the World in Eighty Wines, questo il titolo in lingua originale della pubblicazione, si presenta come un itinerario raccontato tramite altrettanti bicchieri di vino, ciascuno rappresentativo di una storia diversa, di un territorio, di una denominazione, di una famiglia.

Articoli correlati