ADOTTA IL TUO NEGOZIO ALIMENTARE DI FIDUCIA, LA CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE DI FIESA CONFESERCENTI


L’AQUILA – La Fiesa Confesercenti regionale Abruzzo e Molise, in questo periodo di emergenza Covid-19, lancia l’iniziativa “Adotta il tuo negozio alimentare di fiducia”, utile a sensibilizzare i cittadini in questo momento di grande difficoltà che sta vivendo il settore, attraverso il contatto diretto con i negozi che abitualmente frequentavano prima delle chiusure previste dagli ultimi dpcm.

In effetti, le nuove disposizioni normative messe in atto dal Governo e dalle Regioni hanno messo in crisi tutti i settori che la Fiesa Abruzzo e Molise rappresenta: panifici, pizzerie, pasticcerie, macellerie, salumerie, pescherie, frutterie ed enoteche.

Quello che la Fiesa Confesercenti chiede è un vero e proprio “Atto di solidarietà” da attuare “adottando il negozio alimentare sotto casa”. L’iniziativa intende contribuire a limitare le difficoltà e permettere di superare l’emergenza con meno perdite e aiutare gli imprenditori in difficoltà.

Alla base dell’iniziativa c’è un principio semplice e funzionale. Visto che è sempre più difficile, se non impossibile, acquistare con serenità e tranquillità prodotti per l’alimentazione quotidiana, “Si può ordinare cibo da asporto o prenotare la consegna a casa”. Con questo atto di solidarietà si invitano gli abituali clienti e i loro amici e conoscenti, a ordinare i prodotti alimentari al loro negozio abituale.

Ordinare la spesa a domicilio potrebbe aiutare molto questi operatori che rischiano di chiudere definitivamente la propria attività e allo stesso tempo si garantirebbe il rispetto del distanziamento sociale e la qualità dei prodotti che si acquistano.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021