BARREA, IL BORGO GIOIELLO D’ABRUZZO TRA LAGO, FAUNA SELVATICA E REPERTI ARCHEOLOGICI


BARREA – Nell’acqua cristallina del lago di Barrea (L’Aquila) si vedono davvero i riflessi delle nuvole, del borgo e delle stelle in un gioco di colori spettacolare che rende il borgo autentico d’Italia uno dei luoghi più suggestivi del Parco nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise.

Il borgo arroccato sulla roccia è meta prediletta di turisti e viaggiatori che amano la natura, i panorami, i piaceri della balneazione lacustre, gli animali selvatici, il forte senso di comunità, la buona cucina, i percorsi naturalistici, l’aria salubre, i reperti archeologici della civiltà Safina e tanto altro ancora.

“Abbiamo sempre lavorato nel rispetto dell’ambiente e della natura, cercando di valorizzare le bellezze e le peculiarità che rendono il comune di Barrea un borgo unico rispetto a tutti gli altri” dice a Virtù Quotidiane l’infaticabile sindaco, Andrea Scarnecchia, al suo terzo mandato.

“Le novità più importanti sono tre – dice – una di carattere storico archeologico come l’ampliamento del piccolo Antiquarium della civiltà Safina, grazie al ritrovamento del corredo funerario di un guerriero assimilabile a quello di Capestrano, l’altra riguarda il progetto lago e la possibilità, oltre alla balneazione, di fare sport acquatici. Infine, la realizzazione di un percorso naturalistico che collega il borgo storico al centro di avvistamento dei rapaci”.

pubbliredazionale

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.