CHIUSURE ANTICIPATE, RISTORANTI E COCKTAIL BAR DI PESCARA SI RIMODELLANO


PESCARA – Con le chiusure a partire dalle 18 di bar e ristoranti, il food and beverage pescarese ha deciso di rimodellarsi. Lo fanno i ristoranti che oltre a puntare molto sul servizio di delivery, provano ad attirare sempre di più la clientela per il pranzo o in altre fasce orarie, sfruttando ad esempio il momento della colazione.

Lo fanno i cocktail bar, quelli che più di tutti sono penalizzati dalle limitazioni orarie, trovando il cuore del proprio servizio solo nel dopocena.

Ecco allora che molti bartender provano a vestire i propri locali con abiti differenti.

Il risultato è che il distretto food and beverage più grande d’Abruzzo, la zona di Pescara tra piazza Muzii e le sue vie limitrofe, quella che di solito si accende al calar del sole, da una settimana circa, è viva anche di giorno.

I tavoli, in genere allestiti all’aperto all’imbrunire, arredano la piazza anche nelle ore diurne, attirando, specie nelle belle giornate e nel weekend, gli amanti dell’aperitivo e del mangiare fuori.

Certamente non è solo una decisione oraria quella che gli esercenti hanno preso. Sono tante le novità introdotte giorno dopo giorno e che raccontano la voglia di un settore di restare a galla.

Lungo via Cesare Battisti, il cocktail bar White Cliff ha deciso di puntare sulla colazione. Alla porta accanto, solo nel weekend, anche Wild e Mirror provano ad anticipare il loro servizio già dalla mattina, con qualche estratto e i loro aperitivi. Di fronte Vinamore, braceria, solitamente aperta a cena, sceglie di affiancare al delivery anche il pranzo, puntando su pasta fresca, fatta in casa.

Puntano sul pranzo anche i sushi restaurant come Botanico che ha introdotto una pokè bowl fatta sul momento o Hiroshima Mon Amour, entrambi in genere aperti solo a cena.

C’è poi chi prova ad anticipare il momento dell’aperitivo sempre prima nel pomeriggio. Da Tropico, per celebrare il World Lemon Day, fino al 18 novembre, tutti i giorni dalle 15 alle 18, ordinando due Gin Mare Capri & Tonic, il terzo lo si paga con un limone.

Anche i ristoranti tentano nuove strade per ammortizzare la chiusura al pubblico serale. È il caso di Madre, che ha deciso di sfruttare il suo pezzo forte dei lievitati, dedicandosi anche alla colazione, proponendo piatti dolci e salati. Il pranzo, novità per Madre, diventa una formula smart e nell’aperitivo si degustano gli antipasti del menù a la carte autunnale.

Per chi invece è un po’ fuori mano e non può sfruttare il passeggio che si genera nel centro città, la strada è segnata dai social.

Da Artemide, a San Giovanni Teatino, la cena per due alla riapertura si vince. Per farlo bisogna ordinare il box a domicilio “Cena per due”, pubblicare una foto del box su Facebook o Instagram taggando @artemideristorantech e aggiungendo gli hashtag #salvairistoranti #ricordatidiesserefelice #artemideristorante. Ogni 50 post quello con più like vincerà una cena gratis per due alla riapertura.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021