ESTATE IN MASCHERA A TORINO DI SANGRO, CARRI ALLEGORICI E PUPAZZI IN CARTAPESTA RIEMPIONO IL BORGO


TORINO DI SANGRO – Estate in maschera, con musica e balli che andranno avanti per tutta la notte. Il prossimo 3 agosto a Torino di Sangro (Chieti) c’è “Torìo”, festa in maschera – la più strampalata dell’anno, promettono gli organizzatori – che si svolgerà nel complesso monumentale di San Felice, in via Sant’Angelo. L’iniziativa è promossa dalla Pro loco, in collaborazione con il Comune.

“Un appuntamento – spiega in una nota Nicola Mancini, presidente della Pro loco – che si rifà al Carnevale invernale, con artisti locali che realizzano carri allegorici da 26 anni. Una tradizione che abbiamo voluto portare anche nella bella stagione. Avremo tanta musica, divertimento e una magica atmosfera”.

Si comincia alle 19, non c’è l’obbligo di mascherarsi e l’ingresso è libero. In esposizione carri allegorici e pupazzi in cartapesta; ci saranno stand gastronomici e di hobbistica e uno spazio e attività ricreative dedicati ai più piccoli. A suonare il gruppo Hbh Band, che assicura energia e un mix esplosivo delle migliori canzoni di tutti i tempi in uno show coinvolgente; a seguire il dj Francesco Cicchini e il vee-jay Jerry Viviani, in un mix di brani, luci ed effetti visivi.

Previsto anche un concorso per le maschere più belle.

“All’ingresso – viene fatto presente dagli organizzatori – ci sarà una postazione dove chi vorrà potrà essere fotografato. Ad ognuno dei partecipanti verrà assegnato un numero che servirà poi alla giuria per decretare i vincitori. A mezzanotte, saranno premiate la maschera più bella da 0 a 6 anni; la maschera singola e quella di gruppo (minimo due persone)”.

“L’importante – viene aggiunto – è scatenare fantasia e creatività”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.