FASE 2, LA MOVIDA PESCARESE NON RIPARTE


PESCARA – Non si rialzeranno le serrande dei locali della movida pescarese. Lo hanno deciso insieme gli esercenti dei due polmoni della vita sociale del capoluogo adriatico.

Pur se ordinanze regionali e governo consentono da domani a bar e ristoranti di riaprire al pubblico, i locali di piazza Muzii e del centro storico resteranno chiusi al pubblico.

Una decisione sofferta che hanno comunicato al suono dell’hahstag #pescaradavivere attraverso i social con un messaggio forte e chiaro.

“Gli esercenti di Piazza Muzii, via Cesare Battisti e corso Manthonè hanno a cuore la salute pubblica dei propri clienti e dei dipendenti – scrivono – . In questo momento di così grande difficoltà siamo pronti a un ulteriore e durissimo sforzo per tutelare un bene superiore e irrinunciabile: la salute. Abbiamo quindi deciso di mantenere i nostri esercizi chiusi alla somministrazione al pubblico. Vogliamo tornare a operare in sicurezza, vogliamo continuare a creare ricchezza per la nostra città, vogliamo continuare a far brillare Pescara. Lo faremo e per questo siamo pronti a questo costosissimo sforzo per poter tornare a operare in libertà e senza restrizioni”.

Ad alimentare la scelta, l’idea dell’amministrazione comunale di consentire l’apertura dei locali e degli stabilimenti balneari fino a mezzanotte dalla domenica al giovedì e all’una il venerdì e il sabato.

“Il coronavirus non ha orari – specifica a Virtù Quotidiane Cristiano Tego, di Tropico – e mettere un coprifuoco è inutile. Non vogliamo fare necessariamente le ore piccole, ma rispettare gli orari come ci sono stati prospettati diventa impossibile. Vogliamo risposte certe e regole chiare dal Comune e finché non le avremo resteremo chiusi”.

L’amministrazione ieri pomeriggio avrebbe dovuto deliberare in Giunta le regole per la riapertura, incluse la gratuità della tassa di occupazione del suolo pubblico e il raddoppio degli spazi per ciascun esercizio, ma all’ultimo momento la riunione è saltata, lasciando in sospeso il documento.

Hanno aderito a #pescaradavivere i locali del centro: Tropico, Shaka Brew, Mirror, Wild, Vinatteria Zolfo, Birrai del Mercato, Al Vagone, Sorsi e Morsi, Pomm, Ittico, Gatsby, Almaluna, Reverso, Le Spezie, Visaggio, Caffè delle Merci, La Cava, Bodhi, Nuova Lavanderia, Pinocchio, Vinamore, One More Drink, Caracò, La Cucineria, Caracciolo, Lo spuntino, Fuoriuso, Mercante, Piatti, WhiteCliff, Mila, Don Gennaro, Papille.

E i locali del centro storico Room33, Anyma, Pass, Different, Covent Garden, Daró, Tiella, Postbar, Caffè Letterario, Chiodo fisso, Piano terra, Al Solito Posto, Samboa, Zanardi, Lo Scoglio, Blue Moon, Ostrica Ubriaca.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.