FRUTTA: STRETTA SULLA CERTIFICAZIONE DI PROVENIENZA, SEQUESTRO A CASTEL DI SANGRO


CASTEL DI SANGRO – Stretta sulla certificazione di provenienza e di categoria della frutta con l’entrata in vigore di un decreto legislativo che inasprisce le sanzioni per chi non rispetta le norme dell’Unione europea in fatto di qualità e commercializzazione di frutta e verdura.

Multe quindi più salate, da 550 a 15.500 euro, per le verdure e la frutta clandestine, di provenienza incerta o prive di informazioni corrette.

Oltre al prezzo e all’origine, il cartellino deve prevedere anche la varietà (ad esempio mele golden, stark o annurca), nonchè la categoria: 1 se la merce è migliore, 2 se lo è un pò meno, 3 nel caso di prodotti colpiti da eventi atmosferici negativi. E ancora, i consumatori troveranno notizie anche sul calibro, ovvero la grandezza.

È nell’ambito di controlli mirati al contrasto di frodi agroalimentari, che i carabinieri forestali di Castel di Sangro (L’Aquila) hanno sequestrato ad un commerciante ambulante quasi 2,5 quintali di castagne e altrettanti di meloni di provenienza ignota.

I militari hanno proceduto al controllo insospettiti dal prezzo ritenuto molto basso pubblicizzato con un cartello, che indicava in poco più di 2 euro il costo al chilo delle castagne.

Al venditore è stata comminata una sanzione amministrativa di 1.500 euro e dall’autorità sanitaria è stata disposta la distruzione dei prodotti.

A dover essere etichettati – ricordano i militari in una nota – sono sia i prodotti venduti sfusi sia quelli confezionati, con indicazioni “chiare e leggibili” come stabilito dal regolamento Ue, con informazioni su identificazione, natura del prodotto, origine del prodotto, caratteristiche commerciali. L’Italia è leader europea per quantità e qualità dei prodotti ortofrutticoli ma  vengono comunque importati ogni anno oltre 2 miliardi di chilogrammi di frutta e verdura delle più svariate provenienze che però spesso perdono sul mercato identità e origine.

Così il consumatore pensando di acquistare pomodori campani o pugliesi, pesche romagnole, venete o campane, arance e verdure siciliane, clementine calabresi, frutta secca italiana, si porta a casa, senza saperlo, un prodotto belga, olandese, spagnolo, marocchino o turco. In più, attraverso etichette chiare tornano anche i prodotti di stagione che la globalizzazione del mercato ha messo in ombra.

Si può capire insomma  quali prodotti sono di stagione nelle nostre zone e quale è il momento migliore per acquistare prodotti che non sono presenti in Italia dodici mesi all’anno. E anche controllare i rincari determinati da eventi atmosferici, così sarà più facile.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.