IL PIZZAIOLO GOURMET DON FRANCHINO VINCE CONTRO IL COVID-19 E RIAPRE


CASTELNUOVO VOMANO – Ha lottato per oltre due mesi contro il coronavirus. Franco Cardelli, ideatore e cuore della pizzeria gourmet don Franchino, è ormai fuori dall’incubo.

Dopo un mese e mezzo di ricovero, intubato, in terapia intensiva, Cardelli si trova ora in una clinica a Macerata, nelle Marche, per un periodo di riabilitazione.

Il pizzaiolo, con studi in teologia, nel 1998, dopo esperienze nella ristorazione, ha creato la pizzeria a Castelnuovo Vomano (Teramo) dove dà sfogo alla sua creatività con le inconfondibili pizze gourmet, con abbinamenti estrosi, ma sempre nell’equilibrio dei gusti.

In questo difficile periodo la pizzeria è stata portata avanti dai figli Maria, Maurizio, pizzaiolo come il papà, e Marco, con esperienze nelle cucine stellate d’Italia e del mondo.

I tre fratelli hanno riacceso il forno del locale vintage prima per il solo asporto per poi ricominciare il servizio al tavolo, dopo il lockdown, lo scorso 19 maggio.

“Ci sentiamo un po’ come quando da bambini ci preparavamo per il primo giorno di scuola – scrivevano sui social, i tre giovani per comunicare ai clienti la loro riapertura – . Riapriamo le porte di Don Franchino a tutti i nostri clienti. Non sarà come prima e non sarà semplice, lo sappiamo. Ma grazie al vostro sostegno costante non abbiamo mai temuto nulla e siamo pronti per affrontare questa nuova sfida”.

Ormai superata la difficile e personale battaglia contro l’aggressivo virus, don Franchino tornerà presto alle sue pizze d’autore, frutto di ricerca continua sugli ingredienti e della sua creatività in un menù in costante aggiornamento con il passare delle stagioni.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.