LA NUOVA GUIDA ALPINISTICA DEL GRAN SASSO, UN LIBRO PER OGNI VERO APPASSIONATO DI MONTAGNA


L’AQUILA – Una seconda edizione rinnovata e perfezionata quella della guida alpinistica Gran Sasso. Vie classiche, moderne e d’avventura, scritta da Alberto Bazzucchi e Igor Brutti per la casa editrice Versante Sud.

Una guida che si prefigge il compito di accrescere la conoscenza del massiccio abruzzese soprattutto per gli ormai tanti frequentatori non locali e di fornire loro un ausilio per scoprire i “versanti più scoperti o i suoi angoli più remoti”.

Il risultato è un volume ben congeniato che, già a prima vista, ottiene un duplice obiettivo, l’uno ricercato e raggiunto, l’altro inatteso ma piacevolmente gradito: avere una guida utile ma anche bella.

Da un lato, infatti, è davvero ammirevole la cura approfondita degli aspetti tecnici circa le linee delle vie, gli avvicinamenti, le discese, i dettagli fotografici e la precisione dei grafici illustrativi, che migliorano – e correggono dove necessario – la precedente edizione; dall’altro, il rinnovato impegno degli autori, ma anche il contributo di tanti alpinisti e di fotografi professionisti o amatori, ha arricchito la guida con immagini  che rendono il volume un oggetto incredibilmente bello da vedere, con scorci mozzafiato del Gran Sasso e delle sue magiche pareti calcaree.

Confermata è la classificazione degli itinerari, suddivisi in quattro forme stilizzate che ricalcano in linea di principio altrettanti idealtipi di scalatori: plaisir, moderni, classici e d’avventura.

D’altro non si tratta che di una categorizzazione delle vie in base agli stili di alpinismo oggi prevalenti, da quelle attrezzate con spit a quelle più pure dove rari sono i chiodi o i punti equipaggiati per le soste, da quelle più facili da raggiungere a quelle con avvicinamento più lungo e articolato. Un modo, insomma, per soddisfare in modo semplice e chiaro i gusti di ogni scalatore.

Oltre a un’introduzione tecnica e a una breve storia dell’alpinismo nostrano, la guida include gran parte delle vie d’arrampicata delle tre cime principali del Gran Sasso: Corno Grande, Corno Piccolo e massiccio d’Intermesoli; ognuno dei quali suddiviso poi tra le sue vette, pareti, strutture e pilastri.

Le mappe e le fotografie di ogni singola parete con le diverse tracce percorribili chiariscono infine, in modo immediato, le decine e decine di vie presenti sulla catena più alta dell’Appennino. Per gli appassionati di questo sport, dunque, non c’è che l’imbarazzo della scelta.

A impreziosire, come accennavamo, le pagine del volume sono presenti numerosi scatti degli alpinisti in azione e quelli di fotografi professionisti come Andrea Corsi, Aristeidis Apostolopoulos e Antonio Di Cecco; immagini che fanno di questa guida un vero e proprio cimelio che non può non essere presente nella libreria di ogni appassionato della montagna.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.