LO STORICO CASEIFICIO CIPOLLONE DI TORNIMPARTE PRONTO A CEDERE LA GESTIONE


L’AQUILA – Dopo quasi quarant’anni di fiorente attività il Caseificio Cipollone di Tornimparte (L’Aquila) è sul punto di cedere la gestione a giovani motivati a rilevare la storica impresa a conduzione familiare. Il passaggio di consegne è previsto entro la fine dell’anno, come riferiscono i titolari.

Il caseificio dei fratelli Bernardino e Giampiero Cipollone, in attività dall’anno 1985, è conosciuto e apprezzato anche fuori regione per le famose mozzarelle che vanno praticamente a ruba e che difficilmente arrivano a mezzogiorno, l’ora in cui si vede dalla strada Amiternina Nord il famoso cartello che avvisa i clienti con un lapidario “Le mozzarelle sono terminate”.

Lo sanno bene i romani del fine settimana che ne approfittano per fare incetta di primosale, ricotta, marcetto, mozzarelle, caciotte, bocconcini, scamorze e formaggi vari.

“Era nell’aria – dice Bernardino a Virtù Quotidiane mentre provvede a salare il formaggio fresco con la disinvoltura di chi fa questo mestiere da una vita –, siamo vecchi ed è quasi ora di smettere. Siamo ben felici di cedere la gestione dell’attività a giovani appassionati e motivati che hanno voglia di tramandare la lunga tradizione casearia di famiglia”.

“Il segreto delle nostre mozzarelle è il latte crudo, non pastorizzato, che mantiene intatto il sapore, quello del latte vero e appena munto, come una volta”.

Il latte naturalmente è quello delle mucche dell’azienda agricola di famiglia che esiste da sempre, “le nostre mucche – spiega il casaro – vivono come regine in una stalla che in realtà è una villa, al chiuso ma libere di muoversi e alimentate rigorosamente a foraggi locali”.

GUARDA IL VIDEO

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.