LOCKDOWN ALLE 18, IL COMMERCIO DI PESCARA PRONTO ALLA MOBILITAZIONE


PESCARA – Pescara Viva scende in piazza. L’associazione che riunisce una cinquantina tra ristoranti e cocktail bar, concentrati tra piazza Muzii e Pescara vecchia, ha indetto una manifestazione per mercoledì pomeriggio (28 ottobre) alle 18.

Ristoratori, titolari di cocktail bar, ma anche proprietari di palestre e piscine, si ritroveranno in piazza Salotto per dire no alle misure anti contagio previste nell’ultimo Dpcm che fino al 24 novembre impongono a bar, pizzerie, ristoranti e pasticcerie di chiudere alle 18 (consentendo solo asporto e consegna a domicilio), e a centri benessere, palestre, piscine e centri termali di stare chiusi del tutto.

“Scendo in piazza con la mascherina; scendo in piazza per il diritto al lavoro; scendo in piazza perché sono stanco delle continue restrizioni di orario alla mia attività, del regime militare a cui viene costantemente sottoposta la mia zona e la mia attività, stanco dei folli divieti”, si legge sui social, nell’evento organizzato per la mobilitazione.

“Scendo in piazza perché mi avete fatto spendere soldi in attrezzature, igienizzanti, tavoli e poi mi chiudete, scendo in piazza perché ho diritto di lavorare e mantenere i miei figli; scendo in piazza perché nessuna attività lavorativa può essere considerata superflua; scendo in piazza perché dopo il primo lockdown non ho praticamente ricevuto aiuti; scendo in piazza per la mia famiglia; scendo in piazza per il diritto allo sport, perché lo sport è salute. Scendo in piazza perché il lavoro è la mia vita. Scendo in piazza per dire basta”.

L’associazione annuncia anche le richieste indirizzate al Governo e che prevedono: la sospensione dei canoni di locazione (cessione del credito d’imposta direttamente ai locatari); l’azzeramento dei costi fissi di tutte le utenze; la pace fiscale e l’azzeramento di tutte le tasse e imposte sia locali e nazionali e infine, aiuti economici agli imprenditori per superare il periodo di chiusura.

Insieme a Pescara Viva è schierata Confartigianato Pescara che ha promosso l’invito ad aderire alla manifestazione “alle altre associazioni e tutti i soggetti interessati ad aderire. Chiediamo alla politica locale, dal Comune alla Regione, di supportarci e di rappresentare le nostre istanze al Governo centrale. Indispensabile, considerato che ci sarà un’esplosione delle consegne a domicilio, prevedere controlli rigidissimi sul settore dei riders e del delivery, per evitare prevedibili forme di lavoro nero e di sfruttamento. Siamo tutti consapevoli di dover frenare l’onda dei contagi e della necessità di salvare quante più vite possibili, ma bisogna anche evitare che la crisi, nei prossimi mesi – concludono Pescara Viva e Confartigianato – possa avere conseguenze ancora più drammatiche dell’emergenza sanitaria in atto”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.