PASTICCERI E PASTICCERIE, GAMBERO ROSSO INCORONA TRE ABRUZZESI


L’AQUILA – Sempre più sfaccettato, articolato e intrigante l’universo della pasticceria cristallizzato dalla guida Pasticceri&Pasticcerie del Gambero Rosso. Da un lato la grande pasticceria “classica” più che mai sugli scudi grazie alla cura del dettaglio e alla sua capacità di coniugare il bello e il buono, dall’altro una pasticceria “sostenibile”, sana, leggera e bilanciata, capace di integrarsi perfettamente in un’alimentazione variegata ed equilibrata.

Due binari paralleli destinati a non incontrarsi mai? In realtà, a ben guardare, i due mondi non sono così lontani come potrebbe sembrare a prima a vista. C’è un sottile, ma fortissimo filo rosso a collegarli.

L’invito ad esplorare nuove frontiere del gusto non è una “dichiarazione di guerra” nei confronti della pasticceria accademica. Tutt’altro. L’intento è quello di valorizzare e salvaguardare sempre più l’identità italiana. Oggi grazie a prestigiose scuole non è difficile imbattersi in locali curati e torte raffinate. Ma quante “fotocopie” onestamente oramai si vedono in giro? Non basta un corso da un grande maestro per acquistare personalità e non bastano glasse perfette e croissant bicolori per essere grandi pasticceri contemporanei. Sono necessarie esperienze, confronti, ricerca continua, voglia di sapori veri. Come dimostrano i campioni della pasticceria italiana, da Iginio Massari a Corrado Assenza.

Ma veniamo ai numeri. Le Tre Torte passano da 21 a 24: quattro nuovi ingressi (Lucca Cantarin, Fabrizio Galla, Giovanni Cavalleri, Alfonso Pepe) e un’uscita (quella di Cristalli di Zucchero con l’abbandono del locale da parte di Marco Rinella).

Premi speciali: Pasticcere emergente Fabrizio Barbato di I’lle Douce di Milano; Novità dell’anno: Creazioni – Manerba del Garda; Miglior comunicazione digitale: Rinaldini – Rimini; Miglior pasticceria salata: La Pasticceria – Argenta.

Appendice finale dedicata ai migliori pastry chef che operano in alcuni dei grandi ristoranti italiani. La pasticceria da ristorazione è un altro interessantissimo capitolo dell’universo dolce. Tutto da esplorare e valorizzare.

“In pochi anni la Guida Pasticceri&Pasticcerie è divenuta il riferimento per questo importante settore della creatività culinaria del nostro meraviglioso paese”, dice in una nota il presidente Paolo Cuccia. “Quest’anno, l’attenzione si amplia alla ristorazione con un segnale quindi molto forte in termini di valorizzazione dei maestri pasticceri e di rispetto per gli appassionati”.

L’Abruzzo conquista tre Due Torte con Caprice di Pescara, Pasticceria Ferretti dal 1962 di Morro d’Oro (Teramo) e Pannamore di Vasto (Chieti).

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021