RIABITARE L’APPENNINO, FINO AL 18 LUGLIO LA MOSTRA E MULTIVISIONE SULLE BUONE PRATICHE DELL’AQUILA


L’AQUILA – Un viaggio emozionale attraverso i dodici anni trascorsi dal terribile sisma fino ad oggi per raccontare come L’Aquila Rinasce.

È aperta fino al 18 luglio tra le sale di Palazzo dell’Emiciclo all’Aquila, la mostra e multivisione inaugurata lo scorso 2 luglio nell’ambito di Officina Italia, il progetto di Carsa, The thinking company, e Symbola, Fondazione per le qualità italiane.

Sull’esperienza decennale maturata nelle ricostruzioni dell’Appennino centrale prima con Officina L’Aquila per il sisma del 2009 e poi con Ricostruire il Piceno, Riabitare l’Appennino per il sisma 2016/2017, l’evento affronta il tema di un rapporto più equilibrato e sostenibile tra le aree urbane più densamente popolate e quelle investite da processi di declino demografico, economico e sociale.

In uno spettacolo continuo su tre schermi, la multivisione sotto la regia di Ernani Paterra, racconta le nuove possibilità dell’abitare che si dischiudono per i territori dell’Appennino, partendo dalle buone pratiche dell’Aquila.

Il corpo fisico della mostra è costituito da 10 isole tematiche, moduli espositivi tridimensionali, ciascuno dei quali si accosta agli altri delineando un habitat architettonico.

Disseminati nei luminosi spazi del palazzo del consiglio regionale del capoluogo alcuni totem multimediali permettono una consultazione informativa e razionale sui casi studio della ricostruzione, tra chiese, palazzi, infrastrutture. Tutti presentati con ricchezza di materiali e fonti documentali.

La multivisione che aveva avuto una brevissima anteprima ad Ascoli Piceno poco prima dell’esplodere della pandemia, dopo L’Aquila diventerà itinerante e toccherà tutta Italia.

IL VIDEO

pubbliredazionale

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021