RISTORATORE AQUILANO: GOVERNO VIVE DI SPERANZE, CHIUDEREMO E NON PER IL COVID


L’AQUILA – “Vista la situazione di continua incertezza e non dovuta al Covid, ma ad una gestione scellerata da parte di questo governo che ogni giorno cambia le regole, ogni giorno pensa cose diverse, ogni giorno rincorre la pandemia e vive solo di speranze e non di programmazione, perché non hanno nessuna idea di come uscire da questa situazione disastrosa, sia per la salute che per l’economia, e visto che quando ho deciso di intraprendere un’attività imprenditoriale ho dovuto valutare investimenti, rischi, tutte cose che però potevo controllare e rettificare quotidianamente, mentre adesso e completamente tutto fuori controllo, io e tantissimi altri in Italia stiamo valutando la possibilità di chiudere le nostre attività il 31 dicembre e aspettare tempo e politiche migliori”.

Così in un eloquente post su Facebook Enrico Ciucci, storico ristoratore oggi titolare di Enoà, ristorante ed enoteca di Paganica (L’Aquila), descrive la drammatica e da troppi pochi compresa situazione in cui versa il settore.

Scelte schizofreniche, ristori insufficienti e tardivi e costanti incertezze, lasceranno per strada migliaia di attività in tutta Italia nell’indifferenza generale.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021