SALVARE LE SCUOLE PER RIDURRE LO SPOPOLAMENTO NELLE AREE INTENE

foto d'archivio

SAN DEMETRIO NE’ VESTINI – Cambiare la legge per salvare le pluriclassi nei paesi di montagna ed evitare di accelerare sullo spopolamento. L’appello a firma del preside dell’Istituto comprensivo “San Demetrio Ne’ Vestini-Rocca di Mezzo” Antonio Lattanzi, punta a modificare le leggi volute da Tremonti e Gelmini per ridurre il numero degli alunni ammessi nelle pluriclassi.

Un dramma per le scuole di montagna come quella di San Demetrio che annovera i bambini di 12 comuni che sono: Ovindoli, Acciano, Tione degli Abruzzi, Fontecchio, Alto, Villa Sant’Angelo, San Demetrio, Sant’Eusanio Forconese, Fossa, Ocre, Rocca di Mezzo, Fagnano e Rocca di Cambio (L’Aquila).

Tutti paesi dell’entroterra abruzzese alle prese con un grave fenomeno di spopolamento e che danno vita a sei plessi scolastici, sei di scuola dell’infanzia, sei di primaria e due di scuola media.

Il dirigente è stato intervistato dal giornalista Vincenzo Brancatisano per il sito specializzato Orizzontescuola.it.

Le pluriclassi sono costituite da non meno di 8 e non più di 18 alunni. Così recita l’art. 10 comma 1 del Dpr 81 del 2009 dal titolo emblematico “Norme per la riorganizzazione della rete scolastica e il razionale ed efficace utilizzo delle risorse umane della scuola”.

“Prima il limite massimo oltre il quale non era possibile formare una pluriclasse era di 12 alunni, Tremonti lo portò a 18 e da quel giorno sono iniziati i guai”, spiega il preside, “bisogna intervenire, altrimenti qui cambia l’assetto scolastico e sociale. Parlano tanto di individualizzare le esigenze del bambino e io questo lo posso fare solo se ho una situazione di organico accettabile”.

A complicare la gestione di un territorio già problematico anche il terremoto dell’Aquila.

“Dopo il terremoto”, continua il preside, “c’è stato un ritorno a casa di molte famiglie con figli e anche le scuole hanno avuto qualche vantaggio. Tuttavia, man mano che L’Aquila torna a vivere si torna in città e tornano i problemi legati al numero esiguo dei bambini. Ma mantenere questi comuni è importante. Le scuole sono l’unica agenzia culturale, altri servizi non ce ne sono, in questi comuni che a volte arrivano anche a solo 400 abitanti”.

Un quadro a tinte fosche dunque al quale la politica dovrebbe dare delle risposte, prima che la chiusura delle scuole spinga le famiglie a spostarsi del territorio per trasferirsi nei centri più grandi. (fed.cif.)

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2022