SEQUESTRATI 150MILA LITRI DI FALSO VINO VERDICCHIO DOC


ASCOLI PICENO – L’Ispettorato della Tutela per la qualità e repressione frodi dei prodotti agroalimentari di Emilia Romagna e Marche ha sequestrato 150 mila litri di vino bianco venduto in dame da 5 litri e etichettato come Verdicchio dei Castelli di Jesi Doc, mentre si trattava di vino generico.

L’operazione – secondo quanto anticipa oggi il Resto del Carlino – è stata condotta in una cantina di Cossignano (Ascoli Piceno) e nella piattaforma di una catena di distribuzione a Monteprandone (Ascoli Piceno) e a Perugia.

Il titolare della cantina è stato denunciato per frode in commercio, con l’aggravante della falsificazione di vino tutelato con marchio Doc.

I sequestri sono stati convalidati dalle Procure di Ascoli Piceno e Perugia.

L’immissione del vino sul mercato avrebbe danneggiato i produttori di vero Verdicchio, che celebra i 50 anni di Doc, tanto che l’Istituto marchigiano tutela vini si è rivolto ad uno studio legale di Grottammare per le iniziative giudiziarie del caso, compresa l’eventuale costituzione di parte civile.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.