TOO GOOD TO GO, ANCHE IN ABRUZZO CIBO INVENDUTO A METÀ PREZZO CONTRO LO SPRECO ALIMENTARE


PESCARA – Una magic box scelta attraverso un semplicissimo clic in una App e chiunque può contribuire alla lotta contro lo spreco alimentare a livello globale.

È ambiziosa la mission di Too Good To Go, il progetto nato in Danimarca nel 2015 che per mezzo di un’intuitiva applicazione sta viaggiando attraverso 14 Paesi europei e a breve approderà anche negli Stati Uniti.

Un terzo del cibo prodotto nel mondo viene buttato ogni giorno. Ridurre gli sprechi di cibo è una delle tre azioni più efficaci per diminuire anche gli impatti dei cambiamenti climatici. È a partire da questi dati, che il progetto è nato per mettere in comunicazione attività alimentari della grande distribuzione e piccole indipendenti direttamente con gli utenti, per reinserire in circolo, specie a fine giornata, cibo che altrimenti rischierebbe di essere gettato.

Attiva in Italia da marzo 2019 con l’adesione di 4 mila store in tutta la penisola, dallo scorso agosto Too Good to Go è arrivata anche in Abruzzo, partendo dalla zona di Pescara, ed entro novembre sarà operativa nell’aquilano.

Il funzionamento è semplicissimo: basta scaricare la App sul proprio smartphone. Attraverso la geolocalizzazione vengono visualizzati i locali aderenti con dei puntini. Il grigio indica che non vi sono magic box pronte, l’arancio che ce ne sono una o due e il verde rappresenta una maggiore disponibilità. A quel punto basta scegliere un’attività e acquistare la magic box, “una scatola chiusa, dal contenuto a sorpresa, al costo di un terzo del prezzo pieno – spiega a Virtù Quotidiane Tommaso Bertolini, responsabile commerciale per tutto l’Abruzzo – . Siamo presenti nella zona di Pescara e provincia da luglio e contiamo 130 locali, per lo più attività indipendenti. Fino a oggi sono state vendute circa 8 mila magic box. Un risultato sorprendente, in termini di risposta, che ci ha stupito”.

Pizzerie, caffetterie, forni e gastronomie mettono ogni giorno in vendita una o più magic box di prodotti in giacenza che, nonostante siano freschi, rischierebbero di finire nella spazzatura. Una volta acquistata l’utente dovrà occuparsi del ritiro direttamente in negozio. “Questo progetto – dice ancora Bertolini – permette al cliente anche di scoprire posti nuovi nella propria zona e al proprietario del locale di avere una visibilità in più”.

Per aderire i locali possono compilare un form sul sito ed entrare a far parte del circuito virtuoso anti spreco. “È un grande movimento – commenta ancora Bertolini – e penso sia bellissimo sentirsi parte di una rete europea e presto anche atlantica, con la scommessa negli Stati Uniti”.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.