“DI BIANCHE SPINE”, LA DONNA NEL TERZO MILLENNIO NELL’ARTE VISIVA DI DONATELLA GIAGNACOVO


L’AQUILA – Una installazione visiva per sensibilizzare sulla condizione della figura femminile nel terzo millennio. La personale dell’artista Donatella Giagnacovo dal titolo “…di bianche spine” è un racconto forte, che ha come filo conduttore il colore bianco come invito a ripensare e riflettere su stereotipi, soprusi e violenze che il mondo femminile è ancora costretto a subire.

L’istallazione artistica, inaugurata presso gli spazi dell’atrio, del cortile e della sede del Movimento civico politico Il Passo Possibile, nel Palazzo storico in Via Verdi 9 all’Aquila, nella settimana che comprende la Giornata Mondiale della Donna, è curata dalla giornalista e storica dell’arte Angela Ciano.

“… di bianche spine è un viaggio-riflessione sulla condizione della figura femminile nel terzo millennio – scrive Angela Ciano nella presentazione in catalogo – . In un periodo in cui alcuni stereotipi sembrerebbero superati, il potenziale comunicativo del gesto artistico di una donna li fa riaffiorare con tutta la loro urgenza e drammaticità. E non si tratta solo di un nuovo modo di pensare alle forme di violenza più tragiche, che troppo spesso sfociano nella morte e che pure hanno un loro portato necessario. Nella sua ultima ricerca Donatella Giagnacovo non si ferma solo a questo, con la sua sensibilità di artista e donna, di moglie, madre ed insegnante, scava in profondità cercando di far riaffiorare la condizione vera in cui si trova a vivere ogni giorno la donna del terzo millennio”.

La mostra si può visitare fino al 14 marzo, tutti i pomeriggi dalle ore 17,00 alle 20,00.

Sostieni Virtù Quotidiane

Puoi sostenere l'informazione indipendente del nostro giornale donando un contributo libero.
Cliccando su "Donazione" sosterrai gli articoli, gli approfondimenti e le inchieste dei giornalisti e delle giornaliste di Virtù Quotidiane, aiutandoci a raccontare tutti i giorni il territorio e le persone che lo abitano.


Articolo soggetto a copyright, ogni riproduzione è vietata © 2021